Connect with us

Hi, what are you looking for?

In evidenza

Nuova web mission per la Farnesina

Il settore del restauro al centro della missione in Azerbaigian

Nuova web mission per la Farnesina

Nuova web mission per la Farnesina
L’Italia, con il Sottosegretario Manlio Di Stefano, ha dato il via ad una nuova missione virtuale sul settore restauro, che rientra nella collaborazione italo-azera per la ricostruzione dei distretti tornati sotto controllo azero.

La web missione costituisce uno dei seguiti della missione che il Sottosegretario ha compiuto lo scorso dicembre in Azerbaigian, dopo il cessate-il-fuoco raggiunto dalla dichiarazione tripartita

“Nel campo del restauro – ha dichiarato Di Stefano – il nostro Paese ha sviluppato capacità riconosciute a livello mondiale, proprio come conseguenza dell’enorme rilevanza del patrimonio storico, artistico e archeologico italiano. “Prossimamente organizzeremo ulteriori web mission nei settori delle costruzioni, dell’energia e delle smart cities, sempre in questo approccio sistemico, di collaborazione virtuosa tra privato e pubblico, per portare all’estero le nostre realtà aziendali e professionali più adeguate al settore specifico”

All’evento ha preso parte il Ministro dell’Energia azero, Parviz Shahbazov, co-presidente per parte azera della Commissione Mista Italia-Azerbaigian, oltre a rappresentanti del Ministero della Cultura azero, rappresentanti di ANCE (Associazione Nazionale dei Costruttori Edili) e Assorestauro, e selezionate aziende del settore che hanno potuto illustrare alle controparti azere la propria expertise.
Nuova web mission per la Farnesina

Shortlink:  https://bit.ly/3vpkUvR

Articoli Correlati

Culture

l film sul Circeo in sala vietato ai minori di 18 anni Regista, censura immotivata. Sorpresi i familiari delle vittime

Economia

Tra le persone spiate risultano centinaia di dirigenti aziendali, figure religiose, accademici e dipendenti di ONG

Culture

L’amore per il cinema e la lirica italiane sostenute dall’Istituto italiano di Cultura

Economia

Un imprenditore abruzzese apre la porta al nuovo fondo da 20 mln per la categoria