Connect with us

Hi, what are you looking for?

Editoria

Mentre le tv chiudono a Mosca, il Gr1 va a Leopoli. E’ il giornalismo (italiano), bellezza

Da oggi il giornale radio diretto da Andrea Vianello trasmetterà dall’Ucraina: un bel segnale mentre qualcuno vuol silenziare i media (e i social)

Tempo di lettura stimato < 1 minuto

Mentre le maggiori tv pubbliche del mondo lasciano la Russia per via della nuova legge che prevede 15 anni di carcere per i giornalisti che fanno informazione scomoda, a Leopoli è arrivato un team del Gr Rai che ha deciso di trasmettere da lì i radiogiornali. Un bel segnale da parte della Rai in un momento in cui la guerra si combatte anche a colpi di fake news e intimidazioni.

Gr

“Abbiamo pensato che fosse importante portare in Ucraina, non solo simbolicamente, il Gr1, il giornale radiofonico del servizio pubblico della Rai, e trasmettere da lì, nonostante le difficoltà, per dare un segno di vicinanza alla popolazione assediata e come ferma scelta di campo a favore della libertà e della democrazia”, ha dichiarato Vianello. Da oggi sarà affiancato al microfono da Paolo Salerno durante le edizioni principali del Giornale Radio: alle 8.00, alle 13.00 e alle 19.00. L’annuncio di Vianello dopo la decisione di Rai, Mediaset e Ansa di sospendere tutti i servizi giornalistici dalla Russia.

Russia e manette

Ieri la polizia russa ha arrestato più di 4.300 persone in tutto il paese: manifestavano contro l’invasione dell’Ucraina gridando slogan come “No alla guerra!” e “Vergognati!”, come dimostrano i video pubblicati sui social media da attivisti dell’opposizione e blogger. Social media che però in Russia sono stati oscurati.

Secondo il ministero dell’Interno russo erano stati arrestati circa 3.500 persone, di cui 1.700 a Mosca, 750 a San Pietroburgo e 1.061 in altre città su un totale di 5.200 che avevano preso parte alle proteste. I dati diffusi dal gruppo di monitoraggio delle proteste OVD-Info dicono che sono state arrestate 4.366 persone in 56 diverse città, contribuendo a far lievitare fino a 10mila il numero degli arresti dall’inizio della guerra.

@L_Argomento

(Foto: twitter profile Radio Rai)

Articoli Correlati

Internazionale

Gli americani nella cabina elettorale guardano prima alle problematiche interne e, solo dopo, alle crisi internazionali. Come dire che la questione del latte conterà...

Internazionale

La Cina ha aumentato le importazioni di greggio marittimo dalla Russia ad aprile del 16% su base annua a 860.000 barili al giorno, il...

Internazionale

Anche se la decisione è dettata dalle perdite subite e dal fallimento della guerra lampo, la dottrina Draghi-Macron impone di pensare già al dopo

Economia

La situazione di paesi fragili come l'Italia è peggiorata dall'ormai vicino scostamento di bilancio, ma il rapporto debito/PIL dell'Italia scende del 15% del PIL...