I batteri che mangiano lo sporco, in Italia il brevetto russo

I batteri che mangiano lo sporco, in Italia il brevetto russo

Una azienda di Pordenone, la Bonaka, ha acqusito i diritti per la distribuzione in Europa

Tempo di lettura stimato < 1 minuto

I batteri che mangiano lo sporco in Italia il brevetto russo
Bonaka Italia, azienda di Pordenone, ha acquisito i diritti per la distribuzione europea di un innovativo brevetto biotecnologico russo: al posto dell’acido, nelle tubature adesso si immette un cocktail di venti batteri che mangiano calcare e sporco. È stato possibile grazie alla divisione Chemicals dell’ente di formazione di Assindustria Venetocentro di Padova.

Per raccontare la storia di come i batteri siano capaci di pulire le tubature degli impianti industriali si dovrà fare un passo indietro nel tempo.

Per tornare al periodo della guerra fredda, quando la Russia si trovò a dover ricorrere ad un nuovo metodo naturale per ripulire i propri impianti civili e militari riducendo l’approvvigionamento di sostanze chimiche: i batteri.

Sono passati decenni e quelle tecnologie sperimentali sono state perfezionate e diventate brevetti industriali che stanno per rivoluzionare per sempre il mondo della pulizia delle grandi caldaie civili, scambiatori di calore, sistemi di riscaldamento e degli impianti industriali in genere. In pratica, quella selezione di lactobacilli (simili a quelli dello yogurt) viene immersa in una soluzione liquida, i lactobacilli immessi nelle tubature ”mangiano” lo sporco prima di venir rilasciati nell’ambiente senza causare danni a flora e fauna, perché fuori dalle condizioni ambientali muoiono immediatamente.

TAGS