Connect with us

Hi, what are you looking for?

Internazionale

Chi storce il naso per l’offerta di adesione all’Ue di Ucraina e Moldova?

Nessuno dei due paesi si avvicina a soddisfare le condizioni, ma è evidente che ciò vuole essere un “segnale politico”

Non ci sono solo bandierine da sventolare o mani che applaudono, ma anche ostacoli insormontabili, che mostrano quale dramma assurdo sia l’intero processo di adesione. Così scrive la stampa tedesca per l’offerta di adesione all’Ue di Ucraina e Moldova. Nessuno dei due paesi si avvicina a soddisfare le condizioni ma è evidente che ciò vuole essere un “segnale politico”.

Chi festeggia

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz parla di buona cooperazione nella famiglia europea, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen si è detta convinta che Ucraina e Moldova si muoveranno il più rapidamente possibile per attuare le riforme necessarie, mentre il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha twittato che è stato un “momento storico”. Al di là della soddisfazione ufficiale dei vertici europei, restano dei nodi sul tavolo che andranno sciolti.

fea

E chi no

Intanto Macedonia del Nord e Albania restano nel limbo, dopo aver ottenuto lo status di candidati rispettivamente nel 2005 e nel 2014. Se ne è lamentato Dimitar Kovacevski, primo ministro della Macedonia del Nord, secondo cui “quello che è successo è un duro colpo per la credibilità dell’ Unione Europea”. Chi si è messo di traverso è la Bulgaria, che ha bloccato l’avvio dei negoziati definito dal premier albanese Edi Rama un “rapimento” da parte della Bulgaria e la “distruzione” dello spirito dell’Europa.

La Bulgaria ha chiesto che questioni di “storia comune”, lingua e identità siano discusse con la Macedonia del Nord come prerequisito per i colloqui di adesione, che il presidente della Macedonia del Nord, Stevo Pendarovski, ha definito “inaccettabile”.

Scenari

Il processo di allargamento a est dell’Ue è un passo figlio della strategia di Bruxelles anche in chiave anti “concorrenti”. Dai primi passi fatti segnare nel 1951 si è giunti ai 27 Stati membri anche contando sull’apporto della comunità rappresentata dai paesi dei Balcani occidentali, tra cui Bosnia-Erzegovina , Kosovo e Montenegro, che si trovano in diverse fasi del processo di candidatura per l’adesione all’UE. Kosovo e Bosnia-Erzegovina hanno presentato domanda di adesione, ma non hanno ancora avviato i relativi negoziati.

@L_Argomento

Articoli Correlati

Internazionale

Si teme che l'escalation di Erdogan possa sfociare in uno sbarco su una delle isole orientali

Economia

Ma davvero basterà risparmiare un pochetto o razionare l'energia per far fronte a questa vera e propria catastrofe economica che si sta abbattendo sul...

Economia

Il cambio di rotta della BCE arriva troppo tardi, visto che ormai l'inflazione ha consumato salari ed eroso i risparmi. Il prossimo step potrebbe...

Internazionale

Conferenza di alto livello organizzata dalla NATO Defense College Foundation,
in collaborazione con la Fondazione Compagnia di San Paolo e il NATO Defense College