Connect with us

Hi, what are you looking for?

Economia

Voglia di estate alla scoperta dell’Italia

Gli italiani iniziano a prenotare le vacanze estive scegliendo, per ora, di rimanere nel Belpaese

Voglia di estate alla scoperta dell’Italia

Voglia di estate alla scoperta dell’Italia
Le vacanze estive organizzate saranno nazionali, almeno leggendo i primi dati. La conferma arriva da Astoi Confindustria Viaggi che rappresenta oltre il 90% del mercato dei tour operator italiani, dai villaggi alle crociere e più in generale i Viaggi organizzati. “Da qualche settimana sono iniziate gradualmente a ripartire le prenotazioni per le vacanze estive degli italiani.

Si rileva però purtroppo un clima di incertezza e confusione su alcune tematiche: dai pass nazionale ai protocolli di sicurezza per le strutture ricettive fino ai tempi della campagna vaccinale che rendono meno fluide e immediate le prenotazioni”.

A delineare lo scenario è Pier Ezhaya, presidente Astoi Confindustria Viaggi intervistato dall’Adnkronos in merito all’andamento del settore turistico in vista dell’estate. “La meta preferita resta ad oggi l’Italia, – spiega Ezhaya – non solo per la sua straordinaria magnitudo turistica ma anche per rappresentare la meta di maggior sicurezza e comfort in questo momento ancora caratterizzato dalla pandemia. Il mare vince sulla montagna che rimane però un’altra meta ambita e gradita ai turisti. Puglia, Calabria, Sicilia, Sardegna ma anche Toscana e Emilia-Romagna rientrano, da quest’anno, tra le mete prenotate attraverso la filiera organizzata e i tour operator. Molto buona anche la domanda per la montagna come avvenuto già lo scorso anno, così come il turismo di prossimità”.

Ma anche i Viaggi in Europa cominciano a muoversi. “Iniziamo a riscontrare anche richieste per le destinazioni europee, in particolare per le isole della Grecia (Rodi, Creta e le Isole Cicladi) a seguito di un’ottima campagna vaccinale fatta dal Paese ellenico e poi per la Spagna, con Canarie e Baleari, e per i Paesi del Nord Europa”, aggiunge Ezhaya. “Da metà giugno in poi – sostiene – contiamo su una domanda più importante per le vacanze in Europa grazie all’entrata in vigore, dal 1° luglio, del green digital pass che dovrebbe consentire una maggior facilità negli spostamenti”.

Restano ferme le prenotazioni per destinazioni extra Schengen, mete strategiche ed essenziali per molti operatori. Non va dimentica che i Paesi extra Schengen, sono importanti soprattutto per chi organizza viaggi.

Sono proprio gli operatori turistici che chiedono di osare di più e propongono soluzioni. “È importante la bilateralità delle riaperture delle destinazioni sia per il turismo incoming sia outgoing” afferma Ezhaya che propone “l’apertura di corridoi turistici con destinazioni come Stati Uniti, Maldive, Egitto, Tunisia, Seychelles e Emirati Arabi che hanno attuato un programma vaccinale molto intenso.

Crediamo che le frontiere aperte possano favorire anche il nostro Paese”. Come biasimarlo. D’Altronde il 51% delle presenze alberghiere in Italia viene garantito dai turisti stranieri.
Voglia di estate alla scoperta dell’Italia

Shortlink: https://bit.ly/34vUzAC

Articoli Correlati

Culture

Il nuovo stimolante lavoro di Rubbettino “La Magna Grecia-paesaggi e storie” con l'introduzione di Vittorio Cappelli segna un riconoscimento definitivo sul peso specifico del...

Culture

Ritorna a Martina Franca (Taranto) una mostra d’estate di fotografie di Marcello Nitti, denominata ‘Soul Senses, Sensazioni dell’animo’, dal 16 giugno a fine luglio....

Economia

Il settore turistico può guardare con ottimismo alla stagione 2022, ma al contempo andranno messe in campo politiche mirate (senza la scorciatoia dei bonus)

Politica

Tensioni nel centrodestra, con il caso Micciché che riaccende gli animi. Il tentativo di recuperare un’integrità di coalizione, con l’accordo su Roberto Lagalla e...