Santoro imbarazza fronte antimafia, autogol de La7

Santoro imbarazza fronte antimafia, autogol de La7

Cosa c’è dietro alla improvvisa attenzione di Cairo per Michele Santoro?

Tempo di lettura stimato 2 minuti

Santoro imbarazza fronte antimafia, autogol de La7
Da giorni La7, l’emittente di Urbano Cairo, sta montando una vibrante campagna di sostegno nei confronti di Michele Santoro.

Ospite di Lilli Gruber, poi omaggiato di ogni onore in prima serata, con il direttore Enrico Mentana in piedi a tributargli ogni onore e Andrea Purgatori che gli offre lo spazio della sua trasmissione. Ma perché?

Santoro era uscito dagli schermi anni fa, ora ritorna con un libro destinato a suscitare un vespaio di polemiche. Intervista il controverso Avola, un ex mafioso che aveva iniziato a collaborare ma che è ritenuto inattendibile dagli inquirenti.

Tira fuori una serie di ricostruzioni contestate, anzi contestatissime. Per primo da Salvatore Borsellino, fratello del magistrato: Maurizio Avola è “Un inquinatore di pozzi, un ondivago e ambiguo presunto collaboratore di giustizia che pure nelle sue dichiarazioni passate aveva lucidamente delineato la strategia dei falsi ‘pentiti’ di mafia, mischiare verità e falsità per acquisire credibilità e nel contempo inquinare la verità, delegittimare altri, veri, collaboratori di giustizia”.

Così Salvatore Borsellino, fratello dello scomparso giudice Paolo assassinato dalla mafia nella strage di via D’Amelio, stronca il ‘protagonista’ del nuovo libro di Michele Santoro su Cosa nostra, non lesinando dure critiche anche all’autore.

In un post su Facebook, Salvatore Borsellino, esterna tutta la sua perplessità perché’ teme che “ci sia dietro una manovra per cercare di minare i punti fermi finalmente raggiunti attraverso la sentenza del Borsellino Quater, per cercare di avallare il depistaggio dei ROS fondato sul dossier mafia-appalti come elemento scatenate della strage di Via D’Amelio, per tirare fuori lo Stato deviato da questa e da altre stragi e per ridare una verginità che chi la ha perduta, e irrimediabilmente, da tempo”, chiosa.

Numerosi i giornalisti e gli storici che hanno contestato l’intervista di Michele Santoro ad Avola. Rimane un mistero il perché La7 abbia deciso di puntare con tanta disinvoltura sul ritorno dell’ex conduttore.

Mentana a fine serata gli dice: “Torna, qui se vuoi è casa tua”. Ma i rumors dicono altro: Michele Santoro avrebbe messo da tempo gli occhi sulla possibilità di acquistare la proprietà de L’Unità, finita all’asta dopo il fallimento. Avrebbe contattato già diversi professionisti.

L’interessamento così partecipe e appassionato di Urbano Cairo all’uscita del libro di Santoro, nell’ottica dell’allargamento del gruppo editoriale Cairo, potrebbe non essere casuale.
Santoro imbarazza fronte antimafia, autogol de La7

Shortlink: https://bit.ly/3gOqKmf

TAGS