Home » Chi è la nonna di Giulia Cecchettin: le parole di Carla Gatto sui funerali di Giulia

Chi è la nonna di Giulia Cecchettin: le parole di Carla Gatto sui funerali di Giulia

Chi è la nonna di Giulia Cecchettin: le parole di Carla Gatto sui funerali di Giulia

Chi è la nonna di Giulia Cecchettin: le parole di Carla Gatto sui funerali di Giulia

Oggi sono andati in onda in diretta nazionale i funerali di Giulia Cecchettin. In prima fila a salutare per sempre la ragazza abbiamo visto il padre Gino, il fratello e la sorella Elena, ma anche la nonna, Carla Gatto. Scopriamo chi è.

Chi è Carla Gatto, nonna di Giulia Cecchettin: le parole sul funerale a Pomeriggio 5

Di recente la nonna di Giulia Cecchettin Carla Gatto ha parlato ai microfoni di Pomeriggio 5 raccontando di quanto la nipote fosse empatica, gentile e molto forte, specialmente dopo la morte della madre. Parole riportate anche oggi 5 dicembre durante il funerale della ragazza uccisa da Filippo Turetta lo scorso 11 novembre. La nonna si è anche espressa durante l’intervista a Myrta Merlino, spiegando che Giulia aveva fatto bene a lasciare il ragazzo.

Funerali Giulia Cecchettin, il discorso del padre Gino Cecchettin: “Mia figlia era una guerriera”

Giulia aveva molti sogni, come conferma la nonna. Il 16 dicembre si sarebbe dovuta laureare, e avrebbe voluto fare l’illustratrice. Parlando del funerale, Carla Gatto aveva raccontato a Canale 5 di aspettarsi un giorno molto doloroso, aggiungendo che la famiglia Cecchettin ha sempre vissuto il dolore in modo molto intimo.

La donna ha poi aggiunto che quanto è successo alla nipote possa un giorno servire a qualcuno, e che possa cambiare qualcosa per la società, parole molto simili a quelle di oggi al microfono della Chiesa di Santa Giustina a Padova, dove Gino Cecchettin ha descritto la figlia come una guerriera, auspicandosi che gli uomini possano imparare a rispettare le donne senza impedire loro di andare avanti nella vita.

Carla Gatto non ha poi dimenticato i genitori di Filippo Turetta: “Penso sia un dolore anche per loro”, ha affermato a Pomeriggio 5. Il ragazzo, in carcere, ha da poco ricevuto la visita dei genitori, che prima di incontrarlo hanno voluto parlare con uno psicologo per essere pronti a gestire al meglio la delicatissima situazione.