Connect with us

Hi, what are you looking for?

Culture

Che fatica, riconoscere l’arte

L’arte ritrovata: alcune opere d’arte scomparse e ritrovate in circostanze bizzarre

Che fatica, riconoscere l’arte
I capolavori scomparsi e fortunatamente ritrovati del nostro patrimonio culturale sono parecchi; ne è un esempio lampante l’ecce homo madrileno, che potrebbe proprio essere il famoso ecce homo caravaggesco, comparso qualche settimana fra gli articoli in vendita di una casa d’asta spagnola.

Del resto, la sparizione e, nel migliore dei casi, il ritrovamento delle opere d’arte è parte della storia sin dai tempi della Seconda Guerra Mondiale quando Hitler, con il suo progetto di creare un mastodontico museo d’arte contenente immense quantità di opere d’arte, cominciò a trafugare quadri, sculture e manufatti di ogni genere ai mercanti d’arte più attivi del panorama artistico dell’epoca.

Non è raro che opere d’arte ritenute ormai andate perse per sempre, vengano ritrovate in luoghi completamente inaspettati e in circostanze del tutto casuali come negli angoli di uno scantinato, nelle scatole polverose di una soffitta, nei contenitori di un garage.

Ecco una carrellata dei più famosi quadri del nostro patrimonio artistico casualmente ritrovati.

Vincent van Gogh, “Tramonto a Montmajour”, (1888) 

Questo meraviglioso olio su tela, realizzato dall’artista olandese nel 1888 e ritrae la luce del tramonto fiammingo infrangersi sull’abazia di Montmajour.

L’attribuzione del quadro proprio a Vincent Van Gogh è stata resa pubblica solamente nel 2013 dal direttore del museo Van Gogh, Axel Rüger dopo un attento studio.

La tela infatti è stata ritrovata in una polverosa soffitta di una casa norvegese dove è rimasta appunto fino all’autenticazione da parte del museo.

Leonardo da Vinci, “Salvator Mundi” (1500 circa)

Una delle più celebri opere di Leonardo da Vinci, l’olio su tela intitolato Salvador Mundi, ha avuto una storia particolare.

La tela ricompare nel 2005, dopo anni di latitanza, all’interno del catalogo vendita di una casa d’asta e viene acquistato per meno di 9000 euro da un consorzio di mercanti d’arte.

L’opera fa però la sua comparsa pubblica solamente nel 2011, in occasione della mostra “Leonardo da Vinci: “Painter at the court of Milan” in qualità di pietra miliare dell’intera esposizione dopo aver subito un attento restauro per eliminare le numerose ridipinture e per salvaguardare le aree più danneggiate.

Giuditta e Oloferne, Caravaggio (1597 circa)

Una delle tante celebri e splendide tele di Caravaggio, che sembrano portare sempre con sé una storia piuttosto travagliata è quella in cui l’artista rappresenta l’episodio biblico della decapitazione del condottiero assiro Oloferne da parte della vedova ebrea Giuditta, che voleva salvare il proprio popolo dalla dominazione straniera.

Nel 2014 un quadro raffigurante la medesima scena –la prima versione è conservata alla galleria nazionale d’arte antica di Roma – è stato ritrovato, conservato in eccellenti condizioni, nella soffitta di un’abitazione privata a Tolosa nascosta all’interno di un’intercapedine di un muro, scovata durante una riparazione per infiltrazioni d’acqua. Questa tela in particolare dovrebbe appartenere ad una famiglia di discendenti napoleonici ed è stata resa nota al pubblico soltanto due anni dopo la sua scoperta nel 2016.

Secondo attenti esami dell’esperto d’arte Eric Turquin, l’opera potrebbe essere stata realizzata durante i primi anni del 1600 e si tratterebbe della seconda Giuditta e Oloferne dipinta da Caravaggio durante il suo soggiorno a Napoli.

Della tela napoletana, andata persa durante il XVII è conservata una copia presso il Palazzo Zevallos di Napoli appartenente alla collezione d’arte del Banco di Napoli, databile intorno agli stessi anni dell’originale, realizzata dall’artista fiammingo Louis Finson che visse a Napoli negli contemporanemante a Caravaggio.
Che fatica, riconoscere l’arte

Shortlink: https://bit.ly/2SpoqI2

Articoli Correlati

Culture

Un calendario ricco e variegato che invita alla scoperta, o riscoperta di questa splendida regione

In evidenza

In una lettera al Corriere della Sera la figlia del senatore Robert Francis Kennedy invita gli americani a trascorrere le loro vacanze nel Bel...

Culture

In Francia battaglia legale sulla vendita di un disegno di Leonardo Vale sino a 15 milioni di euro

Culture

Come stanno gli spazi espositivi all’uscita dal tunnel della pandemia?