Connect with us

Hi, what are you looking for?

Politica

Barr, Trump e Putin (con mascherine e spie incluse): tutti i fantasmi di Conte

Le reazioni di ItaliaViva dopo la pubblicazione dei dettagli sui due casi spinosi che investono l’attuale numero uno del M5s

Tempo di lettura stimato 4 minuti

Non è solo un polverone politico tutto italiano quello che si sta alzando sulle relazioni dell’ex premier Giuseppe Conte, dopo che su tutti i giornali sono stati ripresi i dettagli non solo della missione umanitaria russa in Italia (costata all’Italia oltre tre milioni di euro) e che ora appare sempre più azione di spionaggio nei giorni del lockdown 2020, ma anche del fil rouge con Trump e Barr ai tempi in cui Conte era a Palazzo Chigi.

Le reazioni

Teresa Bellanova, copresidente di Italia viva e viceministra delle Infrastrutture: “Poco dopo essere stata nominata ministra dell’Agricoltura posi il tema a Conte della delega ai servizi. Che ci fossero elementi di opacità a noi era già chiaro. Da capo delegazione avanzai richieste di chiarimenti, ma Conte sfruttò il tema pandemia per non chiarire mai”.

Ernesto Magorno, segretario del Copasir: “I nuovi elementi emersi sulla vicenda Russiagate scattano una fotografia inquietante. È assolutamente necessario un chiarimento, per questo chiederò che Giuseppe Conte e Gennaro Vecchione siano nuovamente auditi dal Copasir”.

Laura Garavini, vicepresidente dei senatori di Italia Viva: “Quanto emerge dalle pagine di Repubblica in relazione alla vicenda ‘Russiagate’ è inquietante. I viaggi a Roma di Barr, gli incontri con i nostri servizi, i silenzi di Conte su questa vicenda. Si tratta di una situazione gravissima perché, tra l’altro, Giuseppe Conte era già stato audito dal Copasir: la domanda più inquietante che facciamo all’ex premier e che è legittimo farsi dopo aver letto l’articolo di Carlo Bonini è se abbia detto tutta la verità al Copasir, che dovrà tornare ad ascoltarlo dopo le rivelazioni di oggi. Chiediamo a Conte ed al Movimento 5 Stelle di fare tutta la chiarezza possibile su questa inquietante vicenda. E chiediamo al Pd di non restare anche questa volta in silenzio”.

Luciano Nobili, deputato di Italia Viva: “Sul Russiagate l’ex premier Conte avrebbe mentito più volte, anche davanti al Copasir”, scrive su Facebook. “Uno scandalo senza precedenti: una commistione tra attività di intelligence e attività politica del M5S, tra le strutture preposte alla sicurezza nazionale e il destino personale di un uomo e del ruolo che voleva mantenere, a ogni costo. Siamo stati lungimiranti allora a pretendere che lasciasse la guida diretta dei servizi di intelligence, prima e a mandarlo a casa, poi. Ma il Contegate non può più essere taciuto. Il Copasir ha intenzione di riconvocarlo? E soprattutto nessuno tra Pd e M5S ha qualcosa da dire?”, conclude.

Federica Dieni, Maurizio Cattoi e Francesco Castiello, parlamentari del Movimento 5 Stelle e componenti del Copasir: “Al fine di fare chiarezza sulla vicenda, riteniamo sia utile audire quanto prima tutte le parti chiamate in causa, a partire dal senatore Matteo Renzi, la cui audizione era già stata deliberata tempo addietro e rimasta in attesa di calendarizzazione”. “Il presidente Giuseppe Conte ha sempre fornito piena disponibilità a riferire al Comitato con la massima trasparenza.”

Alessandro Colucci, deputato di Noi con l’Italia: “Quanti aspetti oscuri della ‘missione sanitaria’ russa dovremo ancora apprendere dai giornali? Vorremmo che l’ex presidente del Consiglio e oggi capo del partito di maggioranza relativa in Parlamento, rispondesse a queste domande perché non possiamo permetterci opacità, soprattutto in questa particolare fase storica, da chi è stato capo del Governo”.

Gregorio Fontana, deputato di Forza Italia, questore della Camera e membro della Commissione Difesa: “A proposito della missione russa anti Covid in Italia del Marzo 2020, su cui ancora oggi tornano a parlarne i giornali, bisogna sottolineare che non c’è solamente l’inquietante risvolto di possibili iniziative spionistiche, ma anche l’eventuale ricaduta sulla salute degli italiani a causa della gestione dei ventilatori che sarebbero giunti dalla Russia. Da quanto si è potuto apprendere, tali delicati dispositivi medici avrebbero presentato pericolose anomalie di vario genere, un discutibile livello tecnologico, malfunzionamenti tecnici e mancanza di idonei marchi di certificazione”.

Andrea Marcucci, senatore del Partito Democratico, a proposito della missione sanitaria russa: “Certamente quella non fu esattamente una missione sanitaria, avevano altri obiettivi. Obiettivi non raggiunti grazie alla schiena dritta di alcuni servitori dello Stato, e va detto, del nostro attuale ministro della Difesa.” E a proposito dell’alleanza col M5S aggiunge “Il Pd, grazie anche al lavoro del segretario Letta, è il partito perno dell’europeismo e dell’atlantismo. Chi deciderà di allearsi con noi, sa come la pensiamo. E conseguentemente se ciò avverrà con la lista di Conte, vorrà dire che il M5S concorda con la nostra politica internazionale”.

Nel tardo pomeriggio arriva la replica di Giuseppe Conte, ex Presidente del Consiglio e capo dei 5S: “Confermo di avere riferito, a suo tempo, correttamente e doverosamente, tutte le informazioni in mio possesso riguardanti questa vicenda al Copasir, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica”. A proposito di Bill Barr: “Credo non sia mai successo nella storia del nostro Paese che a una richiesta di informativa degli Usa attinente al piano dell’intelligence, le nostre Istituzioni abbiano risposto con un rifiuto preventivo di collaborare e, addirittura, di incontrare gli alti rappresentanti degli Stati Uniti. Chi ipotizza uno scenario del genere è in malafede o semplicemente non sa di cosa sta parlando.” E a Renzi puntualizza: “Mi chiedo: è possibile che il senatore Renzi non abbia mai sentito il dovere, in tutto questo tempo, di andare a riferire al Copasir su questi suoi sospetti? Perché non va, come sempre ho fatto io, a riferire quel che sa? Cosa teme, di dover poi rispondere alle domande dei componenti del Copasir e di essere obbligato, per legge, a riferire tutta la verità?”

@L_Argomento

Articoli Correlati

Politica

Durante la presentazione del libro di Giovanni Orsina ‘Una democrazia eccentrica’, insieme alla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, Enrico Letta ha paragonato sé...

Politica

Stefania Craxi, esponente di FI, è la nuova presidente della commissione Esteri del Senato. I voti a suo favore sono stati 12, mentre 9...

Politica

Nel balletto delle alleanze e delle ricerche di nuova identità politicafea che riguarda quasi tutti i principali partiti politici fatta eccezione per FdI, sembra...

Politica

Alla Direzione nazionale del PD si è discusso della situazione politica, delle elezioni, dei referendum e della crisi in Ucraina. Il segretario Enrico Letta...