Spy story all’italiana. I russi comprano segreti militari in saldo

Spy story all’italiana. I russi comprano segreti militari in saldo

Una compravendita di informazioni classificate è stata sventata dall’intervento di Aisi e Ros

Tempo di lettura stimato < 1 minuto

Spy story all’italiana I russi comprano segreti militari in saldo
Quanto vale un segreto di Stato? Poco, sempre meno. Cinquemila euro circa. Lo rivela l’operazione condotta dal controspionaggio che ha visto entrare questa mattina in azione gli uomini del Ros, che hanno arrestato un capitano di fregata della Marina italiana.

Era infatti di cinquemila euro in contanti il controvalore delle informazioni “passate” dal militare italiano ai servizi segreti russi. Non eccede quella cifra quanto il militare dell’esercito russo avrebbe dato al capitano di fregata arrestato oggi in cambio di documenti militari classificati. Il denaro è stato sequestrato al momento dello scambio dopo l’intervento del Ros. In base a quanto si apprende i due si erano accordati anche su una cifra più bassa, circa quattromila euro, per la cessione di documenti avvenuta in passato. Nei confronti del militare italiano, attualmente detenuto, l’accusa è di procacciamento di notizie concernenti la sicurezza dello Stato, spionaggio politico e militare, diffusione di notizie di cui è vietata la divulgazione.

Un ringraziamento ai Ros e all’Aisi per l’azione contro lo spionaggio internazionale ai danni della Nazione condotto dai russi”. Così Francesco Lollobrigida, capogruppo di Fdi alla Camera, nel corso di una conferenza stampa.
Spy story all’italiana I russi comprano segreti militari in saldo

Shortlink: https://bit.ly/2PtIuI9

TAGS