Connect with us

Hi, what are you looking for?

Economia

Crisi energetica, indietro tutta: transizione addio e si torna al carbone

Come se non si potesse prevedere la reazione di Mosca: c’è il rischio che l’intera questione legata all’energia e ai livelli produttivi sia stata sottovalutata sull’altare delle alleanze internazionali?

TAP GASDOTTO TUBO TUBI GAS COMPONENTE COMPONENTI TUBATURA TRASPORTO GAS

E’ stata sufficiente la minaccia russa di non riaprire il prossimo 21 luglio il gasdotto Nord Stream 1 (ora in manutenzione) per far scattare l’allarme rosso in tutta Europa, con piani di emergenza e possibili (sempre più inevitabili) razionamenti. In sostanza, tutti i proclami relativi al green ed alla transizione ecologica sono di fatto messi da parte, con le centrali a carbone che si riaccendono. L’Europa fa marcia indietro.

In Italia sei centrali che sarebbero dovute andare in pensione nel 2025 aumenteranno la produzione, garantendo l’8% del fabbisogno di elettricità per ovviare al mancato arrivo di gas russo che però nelle scorse settimane era stato annunciato come un non problema dal governo. Addirittura il ministro degli esteri Luigi Di Maio era stato impegnato in una serie di viaggi alla ricerca di fornitori alternativi, come in Congo, che negli annunci erano stati presentati come accordi già fatti, quando invece per mettere in moto una macchina così complessa come quella dell’approvvigionamento energetico occorrono anni e solide relazioni.

Nessuno sa se prevedere meno produzione sarà sufficiente ad ammortizzare la chiusura dei rubinetti da parte russa, ma anche in quel caso ci troveremmo dinanzi ad un controsenso: innescare una minor produzione industriale complessiva in questo preciso momento è un doppio colpo ad un’economia già zavorrata dal biennio pandemico e con moltissimi punti interrogativi legati alla geopolitica che si abbatte su materie prime, rotte commerciali e conflitti per accaparrarsi nuovi e vecchi mercati.

C’è il rischio che l’intera questione legata all’energia e ai livelli produttivi sia stata sottovalutata sull’altare delle alleanze internazionali? Le imprese se lo stanno chiedendo sempre più insistentemente.

@L_Argomento

Articoli Correlati

Economia

Mentre l'Europa corre per staccarsi dall'energia russa, i produttori americani di gas naturale stanno raddoppiando gli sforzi per soddisfare la domanda e quindi i...

Economia

Dopo la significativa riduzione già in atto (soprattutto sul gasdotto Nord Stream 2), Gazprom ha annunciano un ulteriore stop alle forniture di gas passanti...

Economia

Il corrispondente Mediaset da Bruxelles: “I croati trivellano nell'Adriatico praticamente di fronte a noi e così riescono ad avere il loro gas, ma noi...

Economia

Ieri c'è stato il terzo più grande calo in assoluto in termini di dollari: Goldman minimizza, ma le imprese e i mercati tremano