Connect with us

Hi, what are you looking for?

Politica

Come stanno in salute i nostri destri? Meloni ok negli Usa, Salvini con l’ombra Metropol

Il punto non è tanto la vicinanza di ieri di qualche leader politico all’inner circle di Putin, ma il posizionamento di oggi rispetto all’alleanza euroatlantica e, quindi, agli interlocutori d’oltreoceano.

Tempo di lettura stimato 2 minuti

Mentre nei partiti di praticamente tutti i paesi del mondo è in atto la caccia a chi è filoputiniano, in Italia si assiste ad un vero e proprio derby a destra: tutti condannano all’unisono l’attacco all’Ucraina e il sangue versato, ma ci sono anche altre considerazione che vanno fatte per quanto riguarda i distinguo in atto e le azioni future dei conservatori italiani di FDI e della Lega.

Meloni

Giorgia Meloni è reduce dalla partecipazione al Cpac, il Congresso dei conservatori americani, a Orlando, in Florida, dove è stata accolta calorosamente (“Giorgia, Giorgia”, ha urlato la platea).

Si tratta del secondo invito giunto dagli Usa per rappresentare la destra italiana, e ora anche europea, alla loro assise. “Cari amici – ha detto – questa è la seconda volta che salgo su questo palco. La prima volta sono stata invitata qui come leader di Fratelli d’Italia, un piccolo orgoglioso partito conservatore italiano. Oggi mi rivolgo a voi come presidente del partito dei Conservatori Europei, che riunisce 44 partiti patriottici e conservatori d’Europa e del resto del mondo, compreso il Partito Repubblicano americano”.

A testimoniare un rapporto che si sta consolidando, ieri il presidente di Fratelli d’Italia ha incontrato a Roma l’incaricato d’Affari ad interim presso l’ambasciata degli Stati Uniti, Thomas Smitham per discutere di guerra e anche di rapporti bilaterali italo-americani. Meloni fa parte inoltre da un anno dell’Aspen Institute, prestigioso think tank americano presieduto da Giulio Tremonti. Insomma, i conservatori italiani si stanno accreditando in vista delle prossime urne e questa volta in maniera chirurgica.

Salvini

In precedenza, la visita di Matteo Salvini negli Usa dall’allora Segretario di Stato Mike Pompeo non era stata molto positiva: fonti diplomatiche riportarono perplessità su strategie, metodo e carattere. Il pensiero alla vicenda Metropol c’è e molta stampa (non solo italiana) lo ricorda a Salvini e ai suoi elettori ancora in questi giorni. Dalla sua, ha la partecipazione al governo Draghi, il più filoatlantico dal 2018 ad oggi, dopo gli esecutivi Conte accusati di essere troppo vicini a Cina e Russia.

Il punto, dunque, non è tanto la vicinanza di ieri di qualche leader politico all’inner circle di Putin, ma il posizionamento di oggi rispetto all’alleanza euroatlantica e, quindi, agli interlocutori (di domani) d’oltreoceano.

@L_Argomento

(Foto: twitter profile of Giorgia Meloni)

Articoli Correlati

Internazionale

Intanto Biden ripristina l'Indo-Pacific Economic Framework (IPEF) dopo che 5 anni fa Trump si era ritirato da quel partenariato

Internazionale

Gli americani nella cabina elettorale guardano prima alle problematiche interne e, solo dopo, alle crisi internazionali. Come dire che la questione del latte conterà...

Internazionale

Anche se la decisione è dettata dalle perdite subite e dal fallimento della guerra lampo, la dottrina Draghi-Macron impone di pensare già al dopo

Politica

L'informativa del premier in Parlamento da un lato chiude le polemiche di chi ha sollevato dubbi sulla posizione italiana e dall'altro offre quella visione...