Home » Chi è l’uomo del caffè nominato nel docufilm “Unica” di Ilary Blasi? Svelata l’identità

Chi è l’uomo del caffè nominato nel docufilm “Unica” di Ilary Blasi? Svelata l’identità

Chi è l’uomo del caffè nominato nel docufilm “Unica” di Iary Blasi? Svelata l'identità

Chi è l’uomo del caffè nominato nel docufilm “Unica” di Iary Blasi? Svelata l'identità

Unica” disponibile su Netflix, è il documentario ufficiale su Ilary Blasi, che mette in luce la sua prospettiva sulla separazione dall’ex marito Francesco Totti. Dopo il loro divorzio sono uscite nuove indiscrezioni, ma soprattutto nuovi personaggi, uno tra questi è il cosiddetto uomo del caffè, Cristiano Iovino. Scopriamo chi è.

Ilary Blasi racconta la sua verità con Unica, il docufilm sulla sua separazione da Totti

Durante l’estate del 2022, il divorzio Totti-Blasi ha dominato il mondo del gossip, ponendo fine a quello che sembrava un amore destinato a durare quanto la leggenda di Totti stesso.

Ma perché il docufilm si chiama così? Il titolo “Unica” deriva dal celebre episodio del 10 marzo 2002, quando Totti proclamò il suo amore per Ilary con una maglietta che recitava “6 Unica” durante un derby di Roma. La storia sembrava un moderno racconto fiabesco: la bellissima showgirl che si innamora e sposa il calciatore celebre, la nascita dei loro tre figli, e il successo condiviso, che però si è sgretolato sotto il peso di incomprensioni e presunti tradimenti.

Chi è l’uomo del caffè nel docufilm Unica: che lavoro fa Cristiano Iovino, età e Instagram

All’interno del documentario, Cristiano Iovino viene definito come l’uomo del caffè, perché Ilary ogni tanto si trovava insieme a lui per fare quattro chiacchiere. Dopo la sua comparsa nel film tutti si stanno chiedendo informazioni su di lui. Cristiano Iovino è conosciuto per essere un personal trainer con un fisico imponente e numerosi tatuaggi, alcuni dei quali sono simboli fascisti. La sua vita si divide tra Roma e Milano, e ha 40 anni. Tra le sue passioni ci sono la squadra di calcio Lazio, i motori, in particolare le motociclette café racer. Recentemente, Iovino ha fatto parlare di sé per aver disattivato il suo profilo Instagram, forse per evitare l’attacco dei follower giallorossi affezionatissimi a er pupone.

Ilary Blasi docufilm: il tradimento di Totti con Noemi e gli amori di Iovino

Ilary Blasi, nel documentario, si pone in difesa contro le accuse del suo ex marito, che in precedenza aveva suggerito un suo presunto tradimento con un uomo a Milano, subito dopo la loro separazione. In molti avevano pensato a Iovino, che però ha negato tutto, affermando di conoscere Ilary solo attraverso amici in comune.

I giornali hanno seguito attentamente la vicenda, offrendo una narrazione dettagliata, sebbene a volte parziale, della storia. La Blasi ha criticato la stampa per non aver riconosciuto alcune verità che non erano evidenti a tutti, affermando che i media erano contro di lei.

 

La stampa ha seguito da vicino la vicenda, narrandola con dettagli e, a volte, con un approccio parziale. La Blasi ha criticato i media per non aver colto alcune verità e per essersi schierati contro di lei. Oltre alla vicenda Blasi-Totti, Iovino è noto nel mondo del gossip per i suoi legami con volti noti della TV e dell’influencer marketing, come Sabrina Ghio e Zoe Cristofoli, e per un presunto flirt con Giulia De Lellis, sebbene quest’ultima voce sia rimasta senza conferme ufficiali.

Le dichiarazioni di Totti dopo il docufilm

Francesco Totti ha raccontato alcuni dettagli intimi su Cristiano Iovino e Ilary riguardo alla fine del suo matrimonio. La scoperta della possibile relazione extraconiugale da parte della moglie è stata scaturita da un sospetto scatenato dopo aver notato certi indizi sul suo telefono, fatto che ha poi fatto da catalizzatore che ha portato Totti ad avviare una nuova relazione con Noemi Bocchi.

 

Con una sincerità disarmante, Totti ha espresso il dolore interiore che ha dovuto sopportare durante questo turbolento periodo. Ha ammesso di aver soppresso i suoi sentimenti per il bene della famiglia, cercando di mantenere un’apparenza di normalità per proteggere i loro figli. La sofferenza era palpabile nelle sue parole: mentre la moglie passava più tempo a Milano, lontana da Roma, lui era tormentato dal pensiero che ci fosse un “altro” nella sua vita. Nonostante ciò, una parte di lui sperava ancora che i suoi sospetti fossero infondati.