Gossip

Chi è Alain-Philippe Malagnac l’ex marito di Amanda Lear: età, lavoro, figli, Salvador Dalì

Alain-Philippe Malagnac d’Argens de Villèle è l’ex marito di Amanda Lear, sono stati sposati dal 1979 al 2000 e il secondo ad aver portato sull’altare la splendida donna dello spettacolo. Questo perché prima di lui nel 1965 l’aveva fatto Morgan Paul Lear primo ex marito di Amanda. La coppia non ha mai avuto figli. La donna in realtà non ne ha mai avuti per una scelta personale, essere diventata famosa da giovane, ha spiegato, non l’ha mai portata a provare istinto materno.

Leggi il nostro ultimo articolo:

Castagnaccio, il tipico dolce autunnale della domenica: ingredienti, storia e procedimento

Ma torniamo a lui, Alain-Philippe. Questi è un produttore musica e per lui si parlò anche di una storia d’amore segreta con lo scrittore Roger Peyrefitte che poi in seguitò lo adottò. Il matrimonio con la Lear avvenne a Los Angeles e i due si amavano veramente molto. L’uomo morì in una situazione tragica a soli 51 anni, il 17 dicembre del 2000. Pare che si trovasse in una grande villa vicino ad Arles con un giovane di vent’anni. La casa fu vittima di un incendio dove l’uomo perse la vita.

Le altre storie di Amanda Lear

Amanda Lear è stata protagonista anche di altre chiacchieratissime storie d’amore. Tra queste ricordiamo quelle con due grandissimi artisti dei nostri tempi anche se diversissimi tra loro e cioè Salvador Dalì e David Bowie. Nel 1999 conobbe il modello Manuel Casella che aveva 40 anni meno di lei, l’incontro avvenne durante la trasmissione Il Brutto Anatroccolo, sarebbero rimasti insieme dal 2001 al 2008. Poi nel 2014 la donna ebbe una storia con Anthony Hornez anche lui con 40 anni meno di lei.

Sicuramente sono state storie importanti anche se quelle più importanti Amanda le ha vissute con i due mariti con i quali ha voluto provare a condividere la vita. Con Alain-Philippe fu il destino a mettersi contro perché la sua morte impedì alla coppia di stare insieme per un periodo ancora più lungo.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio