Cinema

Anticipazioni La Promessa, puntate spagnole: tre nuovi personaggi in arrivo che faranno tremare la soap

Sono tre i nuovi personaggi sono pronti ad animare le prossime puntate de La Promessa come ci dicono le anticipazioni spagnole della soap opera. C’è grande curiosità da parte di un pubblico sempre più attento alle evoluzioni legate a questa splendida soap opera spagnola. E proprio dalla Spagna arrivano notizie intriganti. Andiamo però a scoprire da vicino quelli che sono i nuovi personaggi che animeranno questo prodotto.

Il primo personaggio sarà Martina, una ragazza di cui in realtà abbiamo sentito parlare anche se non l’abbiamo mai vista precedentemente. Si tratta della cugina di Leonor a cui quest’ultima ha scritto a lungo lettere e con la quale ha sicuramente un grande legame. Questa ragazza arriverà alla tenuta senza alla fine dire nulla e creando panico soprattutto a Don Alonso suo zio. Si scoprirà che questa è la figlia del fratello dello stesso con il quale ormai da tempo non ha rapporti. Curro perderà subito la testa per lei. Martina però non sembrerà essere sincera del tutto creando grande disagio nel gruppo.

Leggi i nostri ultimi articoli:

Chi è il marito nella vita reale di Steffy di Beautiful: tutto sul bellissimo Elan Ruspoli

Can Yaman denunciato durante le riprese di Viola come il mare 2: “Mi ha aggredita”

Anticipazioni La Promessa, chi sono gli altri due nuovi arrivi

Il secondo nuovo arrivo a La Promessa sarà Gregorio che metterà in grande difficoltà Don Romulo. Il nuovo maggiordomo ingaggiato da Don Alonso si dimostrerà ligio al dovere. Il clima che si creerà sarà davvero molto teso.

Il terzo personaggio invece è Lorenzo, il padre di Curro. Don Lorenzo De La Mata creerà grandi problemi a suo figlio e ai cognati. Privo di scrupoli e affetto sarà in grado di creare dei problemi non di poco conto a Eugenia. Inoltre non mostrerà affetto al figlio che ci rimarrà malissimo per quanto accaduto realmente. Per vedere queste novità però dovremo aspettare ancora un bel po’ in Italia visto che rispetto alla Spagna siamo un po’ indietro.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio