Connect with us

Hi, what are you looking for?

In evidenza

Nasce l’ostello del futuro: concierge virtuale e domotica

Progetto torinese che rivoluziona l’accoglienza e la gestione degli ospiti, automatizzando tutto

Nasce l'ostello del futuro: concierge virtuale e domotica

Nasce l’ostello del futuro: concierge virtuale e domotica
Si chiama Next Generation Hostel: è un progetto, tutto torinese, d’innovazione sociale e tecnologica che troverà forma in un nuovo ostello nel centro a Torino, in via Bligny, che presenta un sistema di interazione vocale con Amazon Alexa che gestisce le esigenze degli ospiti, superando anche gli ostacoli delle diverse lingue, una app in grado di gestire le diverse fasi del soggiorno, dalla prenotazione alla mobilità ed una domotica diffusa capace di automatizzare l’apertura porte, l’impiego dell’ascensore, la regolazione luci e climatizzazione e l’accesso ai servizi della struttura.

Il tutto in autonomia e senza barriere fisiche, culturali e linguistiche e in perfetta sintonia con la prospettiva del New Normal del turismo.

L’apertura dalla primavera 2022. Il progetto, unico a livello torinese e non solo, è arrivato secondo nel programma FactorYmpresa Turismo, promosso dal ministero della Cultura e gestito da Invitalia che ha messo confronto oltre 460 progetti innovativi sul tema sullo smart contact tourism.

Obiettivo di questo concorso, far crescere qualitativamente l’offerta e rendere l’Italia più competitiva sui mercati internazionali, premiando le migliori dieci idee.

Next Generation Hostel è stato firmato da tre realtà torinesi: per la parte culturale, dal Centro culturale Arci L’Arteficio (dove ha sede), per quella sociale dalla impresa sociale Turin Balon (start up innovativa parte del team di Next Generation Hostel) e per quella tecnologica di Teoresi Group, società internazionale torinese che, da oltre trent’anni, sviluppa soluzioni innovative per centri di ricerca e sviluppo di grandi gruppi industriali internazionali.

Il progetto è risultato vincitore (nella fase finale è stato presentato a Benedetta Rizzo, direttore Promozione Turistica – D.G. Turismo-ministero della Cultura, Luigi Gallo, responsabile area Innovazione di Invitalia e Marco Riva, innovation manager della Fondazione Brodolini) perché ha proposto una serie di soluzioni integrate tra di loro per gestire l’ospitalità turistica.

Torino, dunque, ancora una volta capofila italiano dell’innovazione sociale dopo l’assegnazione, a marzo, del Centro di Competenza nazionale per l’Innovazione Sociale del programma EaSI (Employment and Social Innovation).
Nasce l’ostello del futuro: concierge virtuale e domotica

Shortlink:https://bit.ly/32sHyqt 

Articoli Correlati

Culture

Fase decisiva del grande cantiere di restauro e consolidamento della facciata interamente finanziato da Fondazione CRT

Culture

La creazione di un corso universitario che laurea gli studenti in Arte del circo contemporaneo è una svolta epocale per il settore in Italia

Culture

Ispirato a Leonardo da Vinci, all’insegna dello slogan “The sound of beauty”, sul palco di 600 metri quadrati, l’ESC è una giostra di musica...

Politica

Dopo i due anni condizionati dal Covid, sono tornate in tutta Italia le manifestazioni per il 25 Aprile. Ma, ovunque, abbiamo assistito a contestazioni...