Connect with us

Hi, what are you looking for?

Politica

Diritto all’oblio per i malati oncologici: il ddl Quagliariello

CYBERKNIFE ROBOT PER LA RADIOTERAPIA AI MALATI ONCOLOGICI
Tempo di lettura stimato 2 minuti

Da giovedì 12 maggio a domenica 15 maggio tornano a Roma gli eventi legati alla Giornata nazionale del malato oncologico, organizzati dalla Federazione italiana delle associazioni di volontariato in oncologia. La Giornata, celebrata ogni anno nella terza domenica di maggio e giunta alla sua diciassettesima edizione serve a sensibilizzare l’opinione pubblica verso i bisogni e le condizioni di vita delle persone colpite dal cancro.

Il diritto all’oblio

“La Giornata nazionale del malato oncologico” ricorda una nota diffusa dalla Favo, secondo fonte AdnKronos “è essenziale occasione di diffusione e discussione sulle attività da mettere in pratica per migliorare la condizione esistenziale dei pazienti.” Particolare attenzione è posta al diritto all’oblio, cioè la possibilità di chi è guarito da patologie tumorali di ritornare in possesso dello status di persone non malate. Attualmente in Italia chi ha avuto un cancro è costretto a dichiararlo nelle richieste di mutui, prestiti, assicurazioni e adozioni e non può dunque accedere a questi servizi né avvalersi di questi diritti. A dispetto di quanto accade in altri paesi dell’Unione europea, tale condizione impedisce il raggiungimento di una guarigione anche giuridica e sociale, oltre che esclusivamente terapeutica.

Il senatore Gaetano Quagliariello, vicepresidente di Italia al Centro, in suo post di oggi su facebook ha così commentato: “Ho presentato, con gli amici della Favo, un disegno di legge per sanare questo vulnus sociale e costituzionale. Ci si preoccupa tanto, e giustamente, del diritto all’oblio in tanti ambiti, e invece le persone che guariscono dal cancro sono spesso condannate a fare i conti a vita con la malattia vissuta e superata, con ostacoli di varia natura. Facciamo in modo che questa malattia non diventi un “fine pena mai”. Sì al diritto all’oblio per i guariti oncologici.”

Nelle scorse settimane Favo ha, inoltre, aderito alla campagna “Io non sono il mio tumore” promossa dalla Fondazione AIOM (Associazione Italiana Oncologia Medica): lo scopo è raggiungere le 100mila firme di adesione, da presentare al Presidente del Consiglio per chiedere l’approvazione della legge sul diritto all’oblio.

@L_Argomento

Articoli Correlati

Politica

La complessa ripartenza post-pandemia; la nuova realtà socio-economica, politica, istituzionale che questa dura crisi ci ha consegnato; il quadro geopolitico tra nuove solidarietà internazionali...

Salute

ROMA – Europa Donna Italia lancia “Tele-senologia” con il patrocinio della Fondazione AIOM, del Garante per la Protezione dei Dati Personali e della A.P.S....

In evidenza

Spaccatura pericolosa per le prospettive del governo, si profilano due maggioranze interne