Gentiloni a Confindustria: “Cauto ottimismo, ce la faremo”

Gentiloni a Confindustria: “Cauto ottimismo, ce la faremo”

Il commissario Ue ha parlato ad un incontro degli industriali. Patto di stabilità sospeso anche nel 2022

Tempo di lettura stimato 3 minuti

Gentiloni a Confindustria: “Cauto ottimismo, ce la faremo”
In uno scenario che resta di “incerta risalita dalla voragine” Confindustria prevede per quest’anno un Pil in crescita del 4,1%, meno delle precedenti stime. La sfida a cui sono ora chiamati anche gli industriali la lancia Paolo Gentiloni: “Oltre al tempo della cura deve essere anche il tempo del coraggio che non è mai mancato alle imprese italiane”; rischiamo di perdere “una grande occasione” se ci sarà un semplice recupero parziale di quanto perso, in quel 4% del rimbalzo atteso nel 2021 dovrà esserci qualcosa di più: “Priorità’, qualità, riforme, strumenti”, è ora il momento – questo il ragionamento del commissario europeo agli affari economici – di “combattere per una crescita qualitativa senza precedenti”.

Gentiloni interviene alla presentazione delle previsioni economiche di primavera del centro studi di Confindustria in cui vede elementi “coerenti con il quadro che verrà delineato a livello europeo” ai primi di maggio, con le nuove stime che per la prima volta incorporeranno l’impatto atteso dai piani di ripresa e resilienza. Intanto, per il biennio 2021-2022, “le politiche economiche devono rimanere di sostegno.

È molto probabile che la sospensione del patto di stabilità prosegua anche nel 2022″. Non manca un invito “ad una certa cautela” rivolto in particolare ai Paesi con un alto debito: l’Europa considera “indispensabili” le spese straordinarie sul fronte della crisi ma “non si traducano in un aggravio permanente, sine die”. In ogni caso nello scenario tracciato da Paolo Gentiloni resta fermo un principio: “Meglio rischiare di ritirare troppo tardi le misure di sostegno che farlo troppo presto”, non si ripeterà l’errore commesso dopo la crisi finanziaria del 2008.

Serve “gradualità'”, bisogna “evitare momenti di picco, pericolosissimi sia da un punto di vista sociale che finanziario”.

Si va verso “sostegni all’economia via via più selettivi”, mirati anche per contenere i rischi legati ad una uscita dalla crisi a diversa velocità tra settori produttivi e Paesi.

È un elemento di preoccupazione ribadita anche dal presidente di Confindustria, Carlo Bonomi: “A fine 2022 il lungo recupero dell’economia italiana porterà alla completa chiusura del gap generato con la crisi pandemica (si prevede un -0,3% rispetto a fine 2019) ma altri grandi paesi europei recupereranno prima, la Germania gia’ a fine 2021″. Paolo Gentiloni sottolinea quanto sia stata “forte e tempestiva” la reazione alla crisi dell’Europa ma avverte: “Guai a sottovalutare la gravità della situazione, le ferite profonde, l’incertezza”.

L”Europa ha di fronte anche “l’altra grande sfida” di “fare buon uso dei fondi del Next Generation Eu”: bisogna ratificare i piani “in fretta” (il riferimento non è all’Italia, chiarisce) “perché’ la Commissione possa andare sui mercati finanziari a emettere questi bond”.

Nella fotografia delle prospettive economiche scattata dagli economisti di Confindustria non c’è una accelerazione della crescita nel 2022 (vede un +4,2% di Pil, in linea con la stima per quest’anno) ed è solo dal prossimo anno che si prevede un recupero del numero delle persone occupate (-1,7% nel 2021 dopo il -2,8% del 2020. Nel 2022 +1,4 pari a +313mila).

Sul fronte dell’occupazione è il vicepresidente con delega alle relazioni industriali, Maurizio Stirpe, a ribadire quanto per gli industriali sia una priorità una riforma degli ammortizzatori sociali che accompagni lo stop al blocco dei licenziamenti.

Confindustria sollecita da tempo la riforma nel confronto con sindacati e Governo “ma ancora non siamo entrati nel merito della discussione”, dice Stirpe: “Questo mi fa pensare che continuare a ragionare sul blocco dei licenziamenti e a rimandare il momento di affrontare questo problema sia una strategia miope”, “ci porterà a dover affrontare più problemi”.

E avverte: “Si scommette che tutto tornerà come prima. Confindustria non la pensa così, pensa che bisognerà gestire in modo profondo la fase di transizione”.
Gentiloni a Confindustria: “Cauto ottimismo, ce la faremo”

Shortlink:  https://bit.ly/3a3v9NT

TAGS