G20: Biden toglie dazi e tende mano a Ue, distensione tra le due sponde dell’Atlantico

G20: Biden toglie dazi e tende mano a Ue, distensione tra le due sponde dell’Atlantico

Tempo di lettura stimato 2 minuti

Il presidente Usa Joe Biden approfitta del summit G20 a Roma per riavvicinarsi agli storici alleati. Prima l’incontro con il presidente francese Emmanuel Macron dopo la crisi dei sottomarini. Poi il raggiungimento dell’accordo sui dazi su alluminio e acciaio con l’Unione europea. E infine l’impegno sul clima. Nella conferenza stampa seguita al vertice, il democratico ha ringraziato l’Italia, congratulandosi con il presidente del Consiglio Mario Draghi per il gran lavoro svolto, e rilanciando l’importanza della diplomazia per risolvere le sfide globali.

Con gli alleati “stiamo lavorando” per affrontare le questioni più importanti e “risolvere i problemi”, ha detto il presidente. Un’intesa è arrivata anche riguardo alla ripresa dei negoziati sull’accordo sul nucleare iraniano con Regno Unito, Francia e Germania. In mattinata Biden ha tenuto a promuovere l’intesa raggiunta con l’Ue sui dazi introdotti nell’era Trump in una conferenza stampa congiunta con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Il democratico ha parlato di una “nuova era nella cooperazione transatlantica” di cui beneficerà l’intera popolazione. “Abbiamo deciso di sospendere i dazi su acciaio e alluminio e di avviare i lavori su un nuovo accordo globale sull’acciaio sostenibile.

Questo segna una nuova pietra miliare nella nostra rinnovata partnership”, ha detto von der Leyen, sottolineando che dall’inizio dell’anno è tornata la fiducia e la comunicazione tra le due sponde dell’Atlantico.

Gli Stati Uniti e l’Ue “continueranno a essere amici e partner per risolvere le sfide del 21° secolo”, ha assicurato Biden. La distensione arriva dopo le tensioni su diversi dossier: la decisione delle truppe Usa di ritirarsi dall’Afghanistan, il Patto Aukus con Regno Unito e Australia, a scapito della presenza europea nell’Indo-Pacifico e le precedenti decisioni dell’amministrazione Trump.

Biden ha cercato di rinsaldare i legami con gli storici alleati anche in vista del contenimento della Cina, sempre più intraprendente. Il leader americano non ha risparmiato infatti di esprimere delusione per il mancato impegno di Pechino, nonché di Mosca, nella lotta al cambiamento climatico. La visita di Biden in Italia è stata anche l’occasione di un incontro con Papa Francesco.

E proprio a lui il leader ha dedicato nella conferenza stampa finale le parole più sentite, ricordando il conforto dato a lui e alla sua famiglia dal pontefice quando il figlio Beau morì per un cancro al cervello.