Connect with us

Hi, what are you looking for?

Innovazione

Crisi dei fertilizzanti: la soluzione arriva dalla natura

Tempo di lettura stimato 2 minuti

di Giuseppe Di Cuia*

Se vi è capitato di camminare in un bosco, sarete sicuramente rimasti colpiti dalla vegetazione lussureggiante. La natura da milioni di anni si rigenera e autoproduce il fertilizzante necessario alla vita di ogni specie vegetale. In effetti nessun essere umano concima i boschi, le foreste tropicali o i pascoli, ma è la natura che ha ideato un sistema che trasforma la sostanza organica, dalle foglie cadute al suolo, agli alberi morti, alle deiezioni animali, in humus e provvede al nutrimento delle specie vegetali in modo equilibrato.

Una moltitudine di microrganismi, come lieviti, funghi, batteri, muffe, lombrichi, insetti, ecc. prendono parte al processo di degradazione della sostanza organica, che viene riassemblata in complessi molecolari più stabili, che nell’insieme prendono il nome di humus, parola di origine latina che significa terra, infatti, non a caso i Romani indicavano con questo termine proprio la parte più viva del suolo.

Dopo il trattato pubblicato da Charles Darwin sull’importanza dei lombrichi per la vita delle piante e delle specie connesse, si è cercato di emulare quello che avviene in natura, allevando i lombrichi per la produzione di humus. Nasce così in America, agli inizi del secolo scorso, la lombricoltura da reddito, settore che in Italia sta riscontrando un forte trend di crescita.

I fertilizzanti chimici, che vengono sintetizzati dal petrolio, recentemente hanno visto i loro prezzi aumentare in maniera considerevole, del doppio e in alcuni casi del triplo, mettendo in ulteriore difficoltà il settore agricolo, già fortemente gravato dalla crisi derivante dalla guerra. In questo scenario i fertilizzanti organici, come l’humus, rappresentano l’alternativa più valida in accordo con le strategie europee, come la Farm to Fork, che punta alla realizzazione di sistemi produttivi equi, salutari e rispettosi dell’ambiente. In un’unica azione si riesce ad ottenere un risparmio economico e una concimazione completa ed equilibrata, utilizzando il fertilizzante che la natura usa da milioni di anni.

@L_Argomento

*Agronomo

(Foto: Flickr)

Articoli Correlati