Gossip

Chi è Jo Squillo la moglie di Gianni Muciaccia: età, lavoro, figli

Jo Squillo è la moglie di Gianni Muciaccia, la coppia sta insieme da 40 anni e si ama molto. L’uomo è un famoso bassista, ma la moglie non è da meno e forse è anche più famosa di lui per un percorso di carriera davvero molto importante. Nata come Giovanna Maria Coletti a Milano il 22 giugno del 1960 è cantautrice oltre che conduttrice e attivista italiana. La sua carriera da musicista è iniziata quando aveva vent’anni nel 1980 e in carriera ha pubblicato sette album dimostrandosi personaggio straordinario e molto amato dal pubblico.

Il suo debutto arriva da molto giovane con la band punk, Kandeggina Gang con l’uscita nel 1980 del singolo Sono Cattiva/Orrore. Il primo album uscito è del 1981 e si intitola Girl senza paura, davvero apprezzato dal pubblico. Inoltre ha lavorato anche come documentarista anche se non molti lo sanno. Nel 2016 è uscito il suo primo film documentario cioè Wall of Dolls per poi girarne altri quattro come Donne & Libertà, Matrimoni forzati e molti altri ancora.

Jo Squillo, la moglie di Gianni Muciaccia

La moglie di Gianni Muciaccia, Jo Squillo, ha fatto anche l’attrice. Il debutto arriva nel 1984 con Pirata! Cult Movie di Paolo Ricagno. Nel 1992 è tornata a farsi sentire grazie all’opera Gole ruggenti di Pier Francesco Pingitore. Sicuramente in televisione ha trovato la sua maggiore notorietà grazie a programmi come Scorribande del 1991 su Antenna 3.

Di recente si è parlato molto di lei perché è tornata partecipando a diversi reality show. Nel 2019 ha fatto parte de L’isola dei famosi 14 poi nel 2021 del Grande Fratello Vip 6 e in seguito di Celebrity Chef di Alberto borghese, Back to School 2 e Tale e Quale Show. Inoltre l’abbiamo vista protagonista anche al radio come conduttrice. Ha partecipato per tre volte a Sanremo con il miglior risultato nell’edizione 1991, quella del debutto, quando è arrivata 13esima al fianco di Sabrina Salerno con il brano di Giovanna Coletti, Siamo donne.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio