Cinema

“Amanda Lear è una femmina o un maschio”: polemica transgender, donna o uomo

“Ma Amanda Lear è una femmina o un maschio?” recitava così una famosissima canzone di vent’anni fa, quando Er Piotta cantava SuperCafone e metteva in mezzo anche l’artista ex di Salvador Dalì. In realtà non si parla solo dei tratti somatici di Amanda, che alcuni hanno accusato di essere una trans, ma una polemica che va avanti da tantissimo tempo. A metà degli anni settanta infatti si diffusero voci sul fatto che prima di diventare modella questa fosse stata un ragazzo di nome Maurice Alain René Tap che era nato il 18 giugno del 1939 e che aveva effettuato la transizione a Casablanca.

Leggi il nostro ultimo articolo:

Castagnaccio, il tipico dolce autunnale della domenica: ingredienti, storia e procedimento

Questi era diventato poi una ballerina col nome di Peki D’Oslo per la compagnia di spogliarelli e burlesque en travesti al Carousel di Parigi. Pare proprio che durante un’esibizione in un night di Barcellona Dalì la conobbe come riportato dalla biografia di Meredith Etherington Smith. Nonostante queste voci però Amanda Lear non ha mai dichiarato di essere la stessa persona, parlando di una presunta sosia. I complottisti hanno parlato di una somiglianza tra le due donne con Peki che sarebbe misteriosamente scomparsa dopo l’esplosione di Amanda Lear in seguito all’uscita dell’album Blood & Honey del 1976.

Amanda Lear era un uomo?

Amanda Lear ha sempre smentito quelle voci di chirurgia che l’avevano portata a diventare donna, anzi ha più volte ribadito che si trattava di un espediente messo in giro proprio da lei per aumentare la vendita. Ha poi specificato che l’idea fosse stata di Salvador Dalì. Una volta, suscitando curiosità, la Lear affermò: “Uomo? Donna? Io sono ciò che mi si crede”. Di sicuro è un personaggio straordinario del mondo dello spettacolo che è riuscita a fare arte anche sulla sua stessa vita dimostrandosi autoironica e in grado di scherzare anche per provocare cosa che è riuscita ampiamente a fare.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio