Connect with us

Hi, what are you looking for?

Politica

Verso il nuovo Pirellone: i dolori di Letizia (e della Lega)

LETIZA MORATTI ASSESSORE AL WELFARE ATTILIO FONTANA PRESIDENTE REGIONE LOMBARDIA
LETIZA MORATTI ASSESSORE AL WELFARE ATTILIO FONTANA PRESIDENTE REGIONE LOMBARDIA

Nuovo fronte di scontro interno nel centrodestra, sulla candidatura per le regionali lombarde. In corsa il governatore uscente Attilio Fontana, indicato dalla Lega e l’assessora al Welfare Letizia Moratti, forzista. La vicepresidente della regione Lombardia, nei giorni scorsi, aveva dato la propria disponibilità, ma la Lega, senza indugi e dopo che il governatore ha risolto i guai giudiziari in cui si trovava, risponde che è Fontana il proprio candidato prescelto.

La scelta della Lega

In un incontro tra il leader Matteo Salvini, il presidente Attilio Fontana, il ministro Giancarlo Giorgetti e il leader lombardo del partito Fabrizio Cecchetti è emersa chiara l’indicazione che Fontana è “il candidato naturale, così come già confermato dagli altri leader della coalizione”. Salvini rinnova e rilancia la fiducia al governatore lombardo, che comunque non ha ancora ufficializzato la sua ricandidatura. Così facendo, il leader leghista cerca di forzare la mano del centrodestra e al tempo stesso anticipa di molto il centrosinistra, che aveva detto di voler rinviare a settembre la scelta del proprio candidato governatore.

La speranza della Lega è che gli alleati di centrodestra non si oppongano alla ricandidatura del governatore, comunque sostenuto dal 2018 e difeso anche dagli attacchi ricevuti negli ultimi due anni. Fontana ha così commentato: “Ascoltiamo tutti e poi valutiamo. Mi sono reso disponibile a discuterne”. In effetti, fino ad ora le trattative in Lombardia non erano apparse serene, con Fratelli d’Italia che aveva pubblicamente detto di voler esprimere un proprio candidato e con l’ipotesi fattasi sempre più concreta di una candidatura Moratti, particolarmente gradita da Forza Italia. Ma la Lombardia è al momento, per la Lega, la bandiera politica più importante da difendere, la regione che da Roberto Maroni a Attilio Fontana ha vissuto più in continuità con la politica leghista.

Letizia Moratti

L’assessora Moratti, forzista, si era detta disponibile ad un’eventuale candidatura, sottolineando il cambio di passo nel Welfare lombardo da quando ha sostituito Giulio Gallera in giunta regionale. Secondo alcune fonti, il passo avanti della Moratti, che aveva detto “mi candido io”, non è stato gradito da tutti, in particolar modo da Fontana e dalla Lega. Altri lasciano trapelare la possibilità che dietro l’operazione possa esserci Giorgia Meloni, a sua volta disturbata in Sicilia sul rinnovo della candidatura di Musumeci.

Nel momento di maggiore difficoltà per Fontana e la sua giunta, era stato proprio Salvini a volere fortemente la Moratti al posto di Gallera, per assicurarsi una personalità forte e autorevole su cui poter contare, nel caso in cui per l’attuale governatore il fronte giudiziario non avesse offerto buone notizie. Ma la netta presa di posizione della Lega crea, ora, una contrapposizione interna, che andrà in qualche modo risanata.

Da una parte FdI che al Nord ha ormai superato ovunque la Lega, ma al contempo vive con la ‘sindrome Michetti’ e dall’altra Fi che con Berlusconi cerca di riprendersi il proprio ruolo centrale, provando a dimenticare sconfitte come quella di Monza. Antonio Tajani, in un’intervista al Corriere della Sera ha così dichiarato: “Parleremo di tutto. Le Regionali certo sono un tema, dovremo presentarci con i nomi giusti perché si possa vincere, non spartirci candidature. Dobbiamo scegliere i nomi migliori, a partire dalla Sicilia che è la prima che andrà al voto. Nessun veto, ma è giusto che venga candidato chi può vincere.” Sembra esserci, ancora, molta confusione sotto il cielo della Lega e del centrodestra; la partita in Lombardia sembra appena cominciata.

@L_Argomento

Articoli Correlati

Politica

Meloni tuona: "Senza accordo sul premier l'alleanza nel centrodestra è inutile. Non ho bisogno dei regali di Enrico Letta. La scelta è tra noi...

Politica

I prossimi appuntamenti del centrodestra: si inizia mercoledì alla Camera con il primo vertice di tutti gli alleati

Politica

Romeo: “Un nuovo governo senza i cinque stelle, oppure elezioni"

Politica

In piena crisi del governo Draghi, una carrellata delle principali posizioni politiche centriste, quasi tutte di ispirazione liberale e che alle prossime elezioni potrebbero...