Una piattaforma aperta costruisce in sharing l’auto del futuro

Una piattaforma aperta costruisce in sharing l’auto del futuro

A Taiwan hanno lanciato un esperimento inedito, chiamando 1200 imprese a collaborare per costruire una macchina elettrica open license

Tempo di lettura stimato < 1 minuto

Una piattaforma aperta costruisce in sharing l’auto del futuro
Oltre 1.200 partner internazionali hanno risposto all’appello del gruppo tech taiwanese Foxconn, principale assemblatore degli iPhone per Apple, per contribuire al progetto di costruzione di un’auto elettrica su piattaforma aperta.

Lo ha reso noto la stessa compagnia in un comunicato al termine di un evento a Taipei dell’alleanza MIH che la compagnia ha lanciato nella primavera del 2020 a questo scopo. Tra i fornitori che si sono proposti ci sono alcuni dei più grandi sviluppatori di software e componenti per la mobilità.

Dal Giappone c’erano Nidec, Murata Manufacturing, NTT; dalla Cina il produttore di batterie CATL; dagli Usa giganti come Amazon e Microsoft; dalla Germania Infonion e Bosch. Foxconn ha intenzione di lanciare la produzione dell’auto elettrica nel 2023.
Una piattaforma aperta costruisce in sharing l’auto del futuro

TAGS