Economia

Un colpo di teatro per dire che Napoli non molla

Il mondo dello spettacolo e la lotta operaia uniti per manifestare il diriito al lavoro

Un ‘colpo di teatro’ per dire Napoli non molla
Continua la lotta serrata dei lavoratori della Whirlpool, azienda in attivo da sempre ma che chiuderà i battenti per delocalizzazione della proprietà. Oggi al teatro Mercadante, che riapre i battenti dopo un anno di fermo totale, causa Pandemia, in occasione di uno spettacolo, invita una delegazione di lavoratori che portano l’insegna classica: “Napoli non molla”. Con un gesto di solidarietà – ci comunica la direzione del teatro – portiamo all’opinione pubblica una vertenza che va avanti da mesi.

La delegazione di circa 50 lavoratori della Whirlpool di via Argine ringrazia la direzione e le maestranze del teatro. Una analoga iniziativa è prevista anche per domani sera.

I lavoratori hanno indossato le maglie nere e bianche con la scritta “Napoli non molla”. Alcune maglie sono state donate dai lavoratori ai responsabili del teatro.

Il Mercadante Stabile Nazionale ha voluto così manifestare in maniera concreta la sua solidarietà a sostegno della vertenza che vede impegnate le maestranze dello stabilimento partenopeo.

Un legame tra la lotta operaia di via Argine ed il mondo dello spettacolo in questi mesi difficili portato all’attenzione soprattutto dei media, attraverso diversi appuntamenti che si sono svolti all’interno della fabbrica con la partecipazione di personaggi del teatro, del cinema, della musica e della cultura”. Ricordiamo che il prossimo 31 maggio la vertenza “compirà due anni.
Un ‘colpo di teatro’ per dire Napoli non molla

Shortlink: https://bit.ly/3oCJsiE

Articoli Correlati

Economia

Continua la ricerca di soluzioni per lo stabilimento di Napoli della Whirlpool

Economia

Seconda edizione del premio nazionale dedicato a chi innova le competenze 2.0 nella filiera scuola-impresa-famiglia

PA.MO EDITORE – Vicolo della campana, 22 00186 Roma RM – pamosrl@legalmail.it Partita IVA 16020381006 – Iscritto al n. 28/2021 del Registro della Stampa del Tribunale di Roma.

Exit mobile version