Connect with us

Hi, what are you looking for?

Internazionale

Ucraina, stabilità internazionale a rischio per il 77% degli italiani

 

ROMA  – Ormai da diversi giorni continua il conflitto tra Russia e Ucraina, con città prese d’assalto e bombardamenti che stanno colpendo anche i civili. Una situazione che preoccupa quasi la totalità dei cittadini italiani (l’87,8%). Una preoccupazione che aumenta tra la popolazione più anziana, probabilmente memore delle guerre passate che hanno coinvolto anche i contingenti italiani in varie missioni. La sensazione – e forse di più la speranza – che prevale è quella di una guerra lampo che potrà durare qualche settimana o, al massimo, fino a quest’estate. In questo contesto, però, è importante sottolineare come 1 cittadino su 4 ancora non è in grado di quantificare quanto potrà durare questo conflitto. Resta il problema degli effetti che potrà scaturire questa guerra e delle conseguenze che potrà avere sulla stabilità internazionale e sullo stato di pace che finora si è vissuto in Europa. I 3/4 degli italiani (il 76,6%), infatti, temono che questo conflitto inneschi un effetto domino, scatenando e spingendo altri Stati ad avviare dei conflitti per il dominio territoriale di alcune aree, minando seriamente la stabilità internazionale.

Dati Euromedia Research – Realizzato il 01/03/2022 con metodologia mista CATI/CAWI su un campione di 1.000 casi rappresentativi della popolazione italiana maggiorenne
(ITALPRESS).

Articoli Correlati

Culture

I risultati dell'indagine nazionale sugli stili di vita degli adolescenti che vivono in Italia, realizzata annualmente dalla associazione no-profit Laboratorio Adolescenza e dall’Istituto di...

Internazionale

Guerra in Ucraina, delle due l'una: o si aboliscono del tutto le regole oppure si inizia a rispettare il concetto di norma

Internazionale

Nessuno dei due paesi si avvicina a soddisfare le condizioni, ma è evidente che ciò vuole essere un "segnale politico"

Internazionale

L'evento promosso da Sud&Nord - "Villa Nitti accorcia le distanze", organizzato da Fondazione Nitti e Fondazione Merita