Europa

Ucraina, bombardamenti su Chernihiv: l’attacco ha fatto esplodere diversi edifici e provocato morti e feriti

Chernihiv, città dell'Ucraina Settentrionale, è stata colpita da un missile balistico russo. L'attacco ha provocato morti e feriti, fra cui una bambina.

L’Ucraina anche oggi è sotto attacco, più precisamente nella sua parte settentrionale: ad essere entrata nel mirino dei russi, nel primo pomeriggio del 19 agosto, è stata la città di Chernihiv. A diffondere la notizia sono stati i media ucraini, nonché il presidente ucraino Volodymyr Zelesnky, che in un messaggio Telegram ha espresso tutto il suo sgomento per il triste accaduto.

LEGGI ANCHE:

https://www.largomento.com/volodymyr-zelensky-incontra-le-istituzioni-svedesi-per-parlare-di-partenariato-e-sicurezza-internazionale/

Alla notizia sono seguiti diversi video che hanno ripreso la terribile scena dell’attacco, dove si può vedere uno spettacolo apocalittico, con la piazza distrutta e molti edifici pubblici con tetti esplosi e finestre sventrate. Sembra che l’attacco abbia provocato sette morti e almeno 117 feriti, a riprova che da oltre un anno la furia di Putin non ha limiti e continua a far soffrire l’Ucraina.

L’attacco di un missile balistico

Come si accennava in apertura, nel primo pomeriggio di oggi la città di Chernihiv, nella parte settentrionale dell’Ucraina, ha subìto un grave attacco da parte dell’esercito russo. Un missile balistico avrebbe colpito il cuore della città, centro culturale e universitario, trasformando un piacevole giorno del weekend in un vero e proprio incubo.

L’attacco, come dimostrano i video diffusi in questi momenti dai media ucraini e internazionali, ha colpito la piazza centrale di Chernihiv, facendovi esplodere il vicino politecnico, nonché molti altri edifici pubblici che al momento si presentano distrutti o semi sventrati. Stando alle testimonianze raccolte, l’attacco avrebbe colpito il popolo ucraino nel momento in cui è solito recarsi nei centri di culto per santificare le feste.

Le conseguenze 

Stando a quanto è emerso dal presidente ucraino Zelensky, che non ha fatto mistero della sua rabbia e dello sgomento provato per quanto accaduto, l’attacco avrebbe provocato la morte di almeno sette persone, fra cui una povera bambina di sei anni. A questi morti si aggiungono almeno 117 feriti. Si ricorda che la città di Chernihiv è stata fra le prime ad essere stata invasa il 24 febbraio 2022, giorno in cui ha avuto inizio la crisi russo-ucraina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio