Tutti pazzi per il Poké

Tutti pazzi per il Poké

Riso, pesce crudo e frutta tropicale, magari con l’aggiunta di alghe. Una moda? Non solo. Un fenomeno imprenditoriale da tenere d’occhio

Tempo di lettura stimato < 1 minuto

Tutti pazzi per il Poké
Addio vecchi supplì, pizza al taglio, piadine al prosciutto. Nelle città italiane impazza il Poke, il piatto hawaiano a base di riso e pesce crudo, con avocado e frutta tropicale. Salutare e subito pronto, dietetico e adatto a (quasi) tutte le tasche, il Poke sta diventando il fenomeno del momento.

La presenza di Poke House e I Love Poke rispettivamente in seconda e sesta posizione nella classifica di Top Startups Italia testimonia la grande vitalità del poke nel quadro della ristorazione italiana. Ma quali sono esattamente le dimensioni fenomeno?

I numeri raccolti da Growth Capital ci mostrano il mercato attuale e i suoi possibili sviluppi, la crescita delle richieste di consegna a domicilio e le città nelle quali è più facile imbattersi in un poke bar.

A Roma sono due le startup di grande successo, Cody Sushi-Poké e Ami Pokè, mentre a Milano si parla soprattutto di I Love Pokè e di Poké House.

I punti vendita si stanno moltiplicando in tutta Italia e le consegne a domicilio superano i tremila ordini giornalieri nella Capitale. Un fenomeno da tenere sott’occhio.
Tutti pazzi per il Poké

Shortlink: https://bit.ly/3o1vAzY

TAGS