Connect with us

Hi, what are you looking for?

In evidenza

Tensione nel governo, il Pnrr slitta di un giorno

Per l’inedita alleanza M5S e FI Superbonus imprescindibile

Tensione nel governo, il Pnrr slitta di un giorno

Tensione nel governo, il Pnrr slitta di un giorno
Il Pnrr si prepara ad approdare in Cdm per l’esame preliminare alla presentazione alle Camere che il premier, Mario Draghi, farà lunedì e martedì prima di tornare dal governo per l’ok all’invio a Bruxelles entro il 30 aprile, come da cronoprogramma.

Ma il percorso del piano è condito da malumori e mal di pancia sul ‘mancato coinvolgimento’ della compagine governativa nella versione finale da presentare al Parlamento e all’Europa.

Nella giornata di giovedì era circolata una presentazione in slide del Mef con le tabelle dei progetti allegate, pronte e datate per la riunione di Cdm di venerdì 23 aprile mai formalmente convocata. Ma oggi i ministri, pronti a vedersi nel primo pomeriggio, hanno trovato sul Foglio l’introduzione del premier Mario Draghi, senza aver ricevuto ancora la bozza finale, circolata sui media in mattinata. “Praticamente non c’è stato tempo di guardare i testi”, spiega una fonte di maggioranza, spiegando che il rinvio al sabato del Cdm sarebbe proprio l’effetto delle lamentele arrivate dai diversi dicasteri. ‘Solo alcuni dettagli tecnici da definire’, minimizzano dall’Economia.

Ma il malessere, sui modi e sui contenuti, sembra comune alle forze che sostengono il governo. Il Superbonus, per esempio, mette in allarme i pentastellati. La misura è citata nella bozza del Pnrr dove viene spiegato che si intende estenderla dal 2021 al 2023, ma “abbiamo bisogno di avere la garanzia, da parte del Governo, che la proroga sia almeno a fine 2023 per tutte le tipologie di edifici e che ci siano 10 miliardi in più rispetto ai 18 già precedentemente stanziati e ora semplicemente suddivisi tra Pnrr e fondo complementare”, mettono in una nota i deputati pentastellati Riccardo Fraccaro, Luca Sut e Patrizia Terzoni. Fonti M5S vanno anche oltre, definendo la proroga della misura “indispensabile e imprescindibile per la transizione ecologica”, ovvero “la matrice che ha fatto nascere questo governo”. Sul tema converge anche FI, definendo il Superbonus fino al 2023 “irrinunciabile”, dunque deve essere “adeguatamente finanziata”.

Al punto che filtrano indiscrezioni su una forte irritazione espressa nel corso di una riunione tra Antonio Tajani, i ministri Renato Brunetta e Mara Carfagna, e i sottosegretari azzurri.

Secondo fonti presenti all’incontro, infatti, la misura era tra quelle “vincolanti” presentate dal partito durante l’incontro con il premier Mario Draghi, in particolare l’estensione sia temporanea sia per tipologia edifici.

Dal Pd, invece, si chiede un impegno maggiore su giovani e donne, un obiettivo che deve essere “centrato con una chiara clausola di condizionalità trasversale a favore dell’occupazione femminile e giovanile”.

La Lega, protagonista dello scontro sul coprifuoco in occasione dell’approvazione del Dl Covid, assicura che non c’è ‘nessuna ruggine’. Dal Carroccio c’è soddisfazione per gli stanziamenti a favore dei Comuni, asili nido e famiglie, e per gli investimenti sulla rete ferroviaria soprattutto al Centrosud e l’innovazione tecnologica, senza contare l’attenzione per turismo e Industria 4.0. Il Pnrr però ‘pensiona’ definitivamente quota 100, bandiera leghista ai tempi gialloverdi: “terminerà a fine anno e sarà sostituita da misure mirate a categorie con mansioni logoranti”, è scritto nero su bianco.

Quota 100 non è più sufficiente, occorre andare oltre e puntare a quota 41″, rilancia il sottosegretario al Mef, Claudio Durigon, chiedendo “uno strumento valido per salvaguardare il mercato del lavoro, sia in entrata che in uscita”. Altro punto di discussione la governance del Piano, “troppo vaga”, viene fatto notare ma soprattutto troppo in mano a Palazzo Chigi e al ministero dell’Economia.

Nella sua introduzione, il premier illustra l’istituzione di una struttura di coordinamento centrale presso il Mef per supervisionare l’attuazione, responsabile anche dell’invio delle richieste di pagamento alla Commissione Ue. Al suo fianco una struttura di valutazione e una struttura di controllo.

Le amministrazioni “sono invece responsabili dei singoli investimenti e delle singole riforme; inviano i loro rendiconti alla struttura di coordinamento centrale, per garantire le successive richieste di pagamento” alla Commissione. Il governo, spiega ancora Draghi, “costituirà anche delle task force locali che possano aiutare le amministrazioni territoriali a migliorare la loro capacità di investimento e a semplificare le procedure”.

La supervisione politica del piano “è affidata a un comitato istituito presso la Presidenza del Consiglio a cui partecipano i ministri competenti”. Con il piano, scrive Draghi, “l’Italia deve combinare immaginazione e creatività a capacità progettuale e concretezza” e “il governo vuole vincere questa sfida e consegnare alle prossime generazioni un Paese più moderno, all’interno di un’Europa più forte e solidale”.
Tensione nel governo, il Pnrr slitta di un giorno

Shortlink: https://bit.ly/3dJN66i

 

Articoli Correlati

Politica

L'unica certezza al momento è che scatterà (finalmente) un seggio per l'ex premier ed anche uno per Casalino

Politica

Da domani Stefano Bonaccini lavorerà per diventare segretario dem e Giulio Tremonti potrebbe iniziare a scrivere la finanziaria da presentare in ottobre

Politica

Il suo richiamo all'ordine: “Partiti e parlamentari, siete pronti a ricostruire questo patto di unità nazionale?”

Economia

E’ stato il Movimento Cinque Stelle a diminuire drasticamente la nostra produzione di gas, durante il primo e il secondo governo Conte. In questa...