Connect with us

Hi, what are you looking for?

Salute

Speranza “Favoriremo vaccinazione persone in arrivo dall’Ucraina”

Tempo di lettura stimato < 1 minuto

 

FIRENZE– “Penso che il nostro pensiero non possa che andare, prima di tutto, alla necessità di esprimere solidarietà a chi oggi è sotto le bombe e vive la minaccia della propria esistenza. L’Italia e tutta l’Europa stanno dando un segnale molto forte, noi non ci voltiamo dall’altra parte ma siamo pronti ad accogliere queste persone”. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, a margine di una iniziativa a Firenze, a chi gli ha chiesto se lo preoccupano le condizioni di alcuni profughi provenienti dall’Ucraina, in particolare quelli che non si sono ancora vaccinati al Covid-19. “Vogliamo accoglierle in sicurezza, il ministero della Salute è in lavoro costante di coordinamento con la Protezione Civile e le Regioni per creare le condizioni affinchè questa accoglienza avvenga in sicurezza-ha aggiunto Speranza-. Noi favoriremo una vaccinazione delle persone in arrivo, le seguiremo anche sul piano sanitario e creeremo le condizioni affinchè questa accoglienza avvenga davvero in massima sicurezza”. “In questo momento la nostra priorità è dare una risposta a chi fugge dalla guerra-ha proseguito Speranza-, dare una casa, un pasto caldo, a chi fugge dalla guerra e questo luogo simbolico segnala esattamente questo spirito di solidarietà che ha attraversato i secoli e ancora oggi deve guidarci”.
(ITALPRESS).

Articoli Correlati

Internazionale

Intanto Biden ripristina l'Indo-Pacific Economic Framework (IPEF) dopo che 5 anni fa Trump si era ritirato da quel partenariato

Internazionale

L’Europa in Ucraina, l’Ucraina in Europa è il titolo della conferenza stampa che si terrà a Roma presso la Fondazione Einaudi lunedì 23 maggio...

Salute

“Assumere circa 15mila specializzandi può essere un momentaneo rattoppo, ma l’architrave della sanità italiana va ricostruita dalle fondamenta e a regola d’arte”. Così la...

Internazionale

Il triplo gioco di Erdogan con Russia, occidente e Cina non è al riparo da rischi.