Sgarbi non molla e replica alle contestazioni

Sgarbi non molla e replica alle contestazioni

Sgarbi contestato a Verona, "Una piazza a Sutri per Battiato" Il critico "e' la mia risposta ai fischi contro di me e Al Bano"

Tempo di lettura stimato < 1 minuto

Sgarbi non molla e replica alle contestazioni
Proseguono a distanza di due giorni le polemiche attorno all’intervento di Vittorio Sgarbi, accompagnato da Al Bano, sul palco dell’Arena di Verona in occasione del concerto dedicato a Franco Battiato.

I fatti risalgono a due sere fa, quando i due, il cui intervento non era previsto dalla scaletta della serata andata in scena in occasione del concerto-evento ‘Invito al Viaggio’, sono saliti sul palco. Parte del pubblico ne ha contestato la presenza, con una serie prolungata di fischi tanto che Sgarbi aveva subito abbandonato il palco, appena raggiunto “Saluto mia sorella e tanto mi basta e a quelli che mi insultano dico ‘siate felici'”, si e’ limitato a scandire al microfono il critico.

Al Bano, rimasto solo sotto i riflettori dell’Arena, avrebbe seguito l’uscita da li’ a poco, dopo aver pronunciato appena qualche parola: “Un abbraccio a tutti voi, so che gli americani quando sono felici fischiano forse stasera tra il pubblico ci sono tanti americani”…

La serata era poi proseguita tra musica e canzoni, ma la polemica non si è spenta, tanto che un video dei fischi postato sui social fa ancora parlare.

Da qui la replica di Sgarbi: “A Sutri la prima piazza italiana dedicata a Franco Battiato – ha twittato il critico – è la mia risposta ai fischi di Verona contro me e Al Bano”. “In quella piazza – ha poi aggiunto Sgarbi – inviteremo chiunque a cantare in onore di Battiato.

Questo fa Vittorio Sgarbi, sindaco di Sutri, per ricordare l’amico di mia sorella che ha amato Battiato come un fratello e che ha utilizzato in tutti i suoi film le sue musiche”.
Sgarbi non molla e replica alle contestazioni

Shortlink:  https://bit.ly/3kCaVjT