Connect with us

Hi, what are you looking for?

In evidenza

Scuse di Di Maio, M5S in rivolta

Il Ministro degli Esteri tenta la carta garantista per sottrarre la leadership a Conte

Scuse di Di Maio, M5S in rivolta

Scuse di Di Maio, M5S in rivolta
Non era un atto dovuto, né tantomeno atteso. Ma le pubbliche scuse di Luigi Di Maio all’ex sindaco di Lodi, Simone Uggetti, aprono il classico ‘Vaso di Pandora’ nel complesso mondo Cinquestelle.

Anche a distanza di ore dalla pubblicazione della lettera sul ‘Foglio’, infatti, nel corpaccione pentastellato si continua a discutere sulla bontà o meno della presa di posizione del ministro degli Esteri.

E la spaccatura, se possibile, diventa ancora più netta tra le varie anime. Ma chi conosce bene il Movimento spiega che la ‘svolta’ di Di Maio è voluta, consapevole che avrebbe segnato uno spartiacque nella storia grillina, propedeutica al processo di ‘rifondazione’ affidato a Giuseppe Conte. Non è escluso, infatti, che l’uscita provochi lo smottamento decisivo per convincere quel pezzo di truppe, ormai insofferenti da tempo per il corso preso dal M5S e per niente disposte ad adattarsi in una forza moderata e liberale, verso la scissione.

Non è un mistero che i cosiddetti ‘ortodossi’ guardino con attenzione ad Alessandro Di Battista e al progetto degli ex compagni espulsi, Nicola Morra, Barbara Lezzi, Alessio Villarosa e molti altri.

La fase è ancora embrionale, ma se le adesioni aumentassero sensibilmente potrebbe nascere subito una componente parlamentare, dalla quale prendere linfa per un nuovo soggetto politico (anche se il presidente della commissione Antimafia preferirebbe invertire le fasi), magari col supporto di Rousseau e Davide Casaleggio, sebbene nulla sia ancora definito.

Di contro, c’è chi nelle parole di Di Maio vede quel segnale che aspettava da tempo: “Un passaggio fisiologico” da movimento di lotta a forza di governo. Con una visione nuova sulla Cosa pubblica, partendo proprio dalla giustizia, punto dolente soprattutto dopo il video con cui Grillo difese il figlio Ciro (accusato di stupro assieme ad altri tre coetanei), uno dei punti più dolenti della storia pentastellata recente.

Tanto che una fonte parlamentare di rango racconta a LaPresse che quella vicenda dimostrò che “siamo vittime della nostra stessa merda giustizialista”. Ben vengano, dunque, le scuse dell’ex capo politico, anche se per Conte, paradossalmente, sono sia un prezioso aiuto che un potenziale ‘problema’.

Perché il nodo della leadership non è stato ancora sciolto e la prima, grande svolta non porta la sua firma. Un dettaglio che nel mondo dei Cinquestelle non passa inosservato.
Scuse di Di Maio, M5S in rivolta

Shortlink: https://bit.ly/3utQIi9

Articoli Correlati

Politica

Chissà che non abbia, dunque, ragione Tommaso Labate che, nell’ultima puntata di Controcorrente, ha dichiarato in proposito: “E’ molto più difficile guidare il governo...

Politica

A margine della conferenza programmatica dei Verdi a Roma, Enrico Letta ha dichiarato: “Se non vogliamo che scatti in Italia quello che è successo...

Politica

Cambiano i nomi e le prospettive, anche nell'ottica di una iper balcanizzazione partitica. La certezza è che il Movimento non c'è più (come i...

Politica

Il documento prodotto dal consiglio nazionale del Movimento, dimostra che il M5S si è sgonfiato. Nessuna espulsione del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio,...