Connect with us

Hi, what are you looking for?

In evidenza

Salvini rimanda la flat tax al governo di centrodestra

Tra Letta e Salvini polemica continua, mentre nel Pd si prendono le distanze da Letta, che incontra Draghi

Salvini rimanda la flat tax al governo di centrodestra

Salvini rimanda la flat tax al governo di centrodestra
Matteo Salvini toglie la flat tax dal campo della riforma del fisco prevista nell’ambito del Recovery plan. Il leader della Lega non intende abbandonare la battaglia ma si rende conto che l’attuale situazione politica non garantisce le migliori condizioni. “Ci arriveremo – spiega – siamo pazienti e cocciuti. Magari non ci arriveremo ora, con Conte, Grillo e Letta, ma prepariamo il terreno mattoncino dopo mattoncino”.

Sulla strada della riforma c’è un macigno in meno, ma a dividere le forze di maggioranza ne restano ancora piu’ di uno. Come quello della tassa sulle eredità milionarie chiesta da Enrico Letta per finanziare una dote per i diciottenni. “Questo intervento”, spiega il segretario a ‘Che tempo che fa’ – deve entrare dentro una riforma fiscale piu’ complessiva, ne ho parlato anche con Draghi”.

E poi tende una mano a Salvini: “Io non voglio creare problemi a Draghi, sono al governo per fare le riforme, se Salvini vuole contribuire in una chiave europea ben venga”. Alle critiche del centrodestra si sono aggiunte quelle del Movimento 5 Stelle, che ha ribadito anche le distanze dalla Lega: “La nostra posizione sul tema fiscale – ha detto il senatore 5s, Mario Turco – è diversa rispetto a coloro che in queste ore hanno posto l’attenzione sulla tassa di successione o sulla tassazione piatta”. Anche Matteo Renzi ha bocciato Letta: “Sul tema fra me e lui c’è una distanza siderale.

Aumentare le tasse è un errore grave, sempre”. E Salvini ha ribadito: “La tassa di successione è una follia”. Letta non ha intenzione di fermarsi: “La reazione alla mia proposta è stata un fiorire di ‘ci vuole ben altro’ – ha spiegato – A me vanno benissimo altre proposte su come finanziarla, ma io non mollo”.

La dote sui diciottenni è una bandiera dem, una misura di sinistra che – è la posizione del Nazareno – pesa sull’1% della popolazione e andrebbe ad aiutare 280 mila ragazzi e ragazze, quelli che piu’ di tutti hanno pagato e pagheranno le conseguenze del lockdown e della crisi legata al covid. “Ascoltiamo gli argomenti di chi è contro – ha detto il capodelegazione Pd al Parlamento Europeo, Brando Benifei – ma il Pd non è il partito delle tasse: vogliamo dare opportunità ai giovani e abbiamo lavorato per sostenerli anche con il Next Generation Eu“.

Anche leader di Azione, Carlo Calenda, ha bocciato proposta Pd: “E’ coraggiosa, ma impraticabile”. In settimana il premier Mario Draghi e Letta si incontreranno. “Pieno sostegno al governo – è la posizione ribadita in questi giorni dal Nazareno – ma il Pd continuerà a portare avanti le sue battaglie sui diritti sociali e civili, perché’ questo fa un grande partito progressista del ventunesimo secolo”.

I progetti delle varie forze politiche saranno messi sul tavolo delle commissioni Finanza di Camera e Senato, che entro il 30 giugno dovranno presentare un documento di indirizzo sulla legge delega che farà da cornice alla riforma del fisco.

Il Movimento 5 Stelle ha gia’ depositato alcune sue proposte. È prioritario rivedere il sistema di prelievo sulle speculazioni finanziarie – ha spiegato il relatore, Turco – che danneggia l’economia reale e chi lavora e produce reddito”.
Salvini rimanda la flat tax al governo di centrodestra

 

Shortlink:  https://bit.ly/3oH4Tz5

Articoli Correlati

Politica

In piena crisi del governo Draghi, una carrellata delle principali posizioni politiche centriste, quasi tutte di ispirazione liberale e che alle prossime elezioni potrebbero...

Politica

Il Presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, grande amico e confidente di Silvio Berlusconi, in un’intervista al Corriere della Sera, racconta tra le altre la...

Economia

Pillole anti ideologie per andare oltre i veti italici e provare a costruire una vera alternativa al fossile

Politica

Il testo all’esame punta a riconoscere il ruolo della scuola, consentendo a quasi un milione di under 18 la possibilità di chiedere la cittadinanza...