Risiko diplomatico, la nuova guerra fredda è congelata

Risiko diplomatico, la nuova guerra fredda è congelata

La Russia inserisce politici americani in black-list

Tempo di lettura stimato < 1 minuto

Risiko diplomatico, la nuova guerra fredda è congelata
La Russia ha espulso ieri dieci diplomatici americani e invitato l’ambasciatore Usa a Mosca a “tornare a Washington”, senza tuttavia espellerlo.

Il Cremlino ha messo al bando anche il Ministro della Giustizia Usa e il capo FBI, che sarebbero stati ‘i protagonisti della campagna anti-russa’: la Russia vieta l’ingresso all’Attorney general (Ministro della Giustizia) Usa Merrick Garland, al capo del FBI Christopher Wray e al consigliere per gli Affari interni Susan Rice, come ha annunciato il Ministero degli Esteri di Mosca.

Nella lista anche il Segretario alla sicurezza nazionale Alejandro Mayorkas e il capo dell’intelligence nazionale Avril Haines.

Secondo il Ministero, questi alti funzionari americani si sarebbero macchiati di aver promosso una “campagna anti-russa”. Sì, comunque, a un faccia-a-faccia tra i due capi di Stato.

Biden riceve intanto il Premier giapponese Suga, alle prese insieme con il suo governo con la difficile decisione sulle Olimpiadi di Tokyo.

Sull’alleanza sul 5g, è stato discusso l’impatto della Cina. Secondo il Presidente americano “La nostra partnership è vitale”.

Ed è stato stabilito un impegno comune per il clima: emissioni zero entro il 2050. Pronta la replica di Pechino: “no a interferenze, difenderemo la nostra sovranità”.
Risiko diplomatico, la nuova guerra fredda è congelata 

Shortlink: https://bit.ly/2QrGKiR

TAGS