Rifiuti Roma: piano pulizia da 40 mln. Gualtieri, cittadini ci aiutino

Rifiuti Roma: piano pulizia da 40 mln. Gualtieri, cittadini ci aiutino

Tempo di lettura stimato 2 minuti

Un piano da 40 milioni, con mille operatori sul campo e 4000 passaggi di pulizia straordinaria. Il primo atto del neo eletto sindaco di Roma guarda, come promesso in campagna elettorale, a decoro e spazzatura. Roberto Gualtieri, che annuncia per domani la presentazione della sua squadra, lancia il programma per ripulire la città entro il 31 dicembre e ribadisce l’impegno massimo per raggiungere il risultato con un appello ai romani: “Aiutateci a tenere pulita la città. L’invito è ad aumentare il contributo civico anche per chi vorrà dare una mano”.

Gli interventi, assicura il primo cittadino, saranno omogenei tra centro e periferie, con Centocelle, Tor Bella Monaca, Settebagni, Magliana e Pietralata, tra i primi quartieri coinvolti.Si lavorerà a partire dalle grandi arterie, con un’organizzazione per quadranti cittadini, concentrandosi su pulizia e spazzamento delle strade, attività di cura del verde e delle aiuole, e pulizia di caditoie e tombini.Inoltre, dalla settimana prossima verrà rafforzato il servizio di igienizzazione dei cassonetti e della raccolta dei rifiuti rimasti a terra, grazie all’utilizzo dei mezzi ‘squaletti’.Partito il 1 novembre, il piano prevede una serie di interventi, fino alla fine dell’anno: dell’investimento di 40 milioni, fanno parte 32,3 milioni di fondi ordinari e risorse aggiuntive per 7,7 milioni.

Di queste 3 milioni saranno destinate al patto di produttività con il personale Ama, 3,2 mln per la manutenzione del verde e 1,5 mln per la rimozione dei cumuli di spazzatura a bordo delle strade.Venerdì la nuova giunta istituirà un nuovo tavolo permanente composto da Ama, polizia locale, uffici di Roma Capitale, protezione civile, oltre ai municipi di volta in volta interessati.Il tavolo definirà settimanalmente il cronoprogramma degli interventi e la comunicazione alla cittadinanza, lavorerà in coordinamento con i presidenti di municipio e la protezione civile, e proporrà forme di partecipazione volontaria e di coinvolgimento dei cittadini.

La strada per i prossimi 60 giorni è tracciata. E la prima promessa del sindaco è un nuovo decoro per la Capitale.