Connect with us

Hi, what are you looking for?

In evidenza

Pronto? Qui, Brigate Rosse!

Assicurati alla giustizia i responsabili degli anni di piombo

Pronto? Qui, Brigate Rosse!

Pronto? Qui, Brigate Rosse!
La notizia è clamorosa. Rientrano in Italia gli ex brigatisti arrestati in Francia e questa mattina aspettano di essere estradati.

Tra gli arrestati ci sono componenti delle Brigate Rosse. Tre sono in fuga. L’operazione è stata condotta dall’Antiterrorismo della Polizia francese e la Criminalpol.

L’Italia e la Francia cooperano comprendendo il bisogno di giustizia delle vittime. Con questo arresto finisce quell’ossessione rivoluzionaria che ha segnato circa quarant’anni della nostra storia. Erano anni di buio, di piombo, violenza e sangue.

Li immaginiamo adesso scendere dalla scaletta dell’aereo questi brigatisti: ancora con le loro giacche di velluto a coste, i pantaloni di fustagno, gli occhiali a goccia, la borsa di Tolfa. Chissà se saranno ancora infarciti di prosopopea monotona e ossessiva, se con un sorrisetto rivendicheranno la loro macabra retorica di lotta armata.

Aggredivano a volto coperto colpendo a tradimento con pistole, mitra (il terrorismo rosso) e con bombe nelle piazze e sui treni (il terrorismo nero).

E poi volantini, proclami ricolmi di delirante arroganza e che oggi non possono essere più capiti, assolti, dimenticati o contestualizzati. All’epoca troppa intellettualità minimizzò. Condannati alla solitudine e all’odio mascherato da “pensiero rivoluzionario”, oggi sono stati consegnati e assicurati alla giustizia.

La Ministra Cartabia parla di “decisione storica”. Quello squallido sogno di impotenza; uomini e donne diventati per ideologia dei robot di morte: sceglievano come loro vittime persone che lavoravano in divisa o quadri di impresa, economisti, docenti, avvocati, giornalisti.

La loro clandestinità, il disporre di basi sicure, la complicità di chi forniva armi, abitazioni e coperture sembra finalmente finita.

La giustizia faccia adesso il suo corso nel rispetto delle vittime.
Pronto? Qui, Brigate Rosse!

Shortlink: https://bit.ly/3nATUqb

Articoli Correlati

Politica

Durante il primo Consiglio nazionale USPI del nuovo triennio, sono state rinnovate le cariche sociali dell’Unione Stampa Periodica Italiana. Dopo un momento di silenzio...

In evidenza

In un Paese in cui tutti si professano liberali, mettiamo qualche punto fermo

Culture

A Chieti il Festival per il “self building”