Connect with us

Hi, what are you looking for?

Politica

Pd e M5s divisi sulle piazze per l’Ucraina: occasione persa o cercata?

Nel primo anno di segreteria Letta, il dem ragionano anche (o soprattutto) su una strategia green e rosa: e sperano nel rassemblement centrista

ENRICO LETTA POLITICO
Tempo di lettura stimato 2 minuti

Firenze e Napoli. Pd e M5s hanno scelto di marciare divisi nelle piazze della solidarietà per la guerra in Ucraina. I dem hanno appoggiato l’iniziativa del sindaco Dario Nardella, i grillini quella partenopea: un’occasione persa, anche comunicativa, per coagulare azione e intenti?

Le piazze

A Firenze il primo cittadino (in qualità di presidente di Eurocities, la sigla che racchiude le principali città europee) ha organizzato in Piazza Santa Croce un collegamento in diretta con il presidente ucraino, a cui hanno preso parte in streaming cento città europee collegate.

A Napoli è andata in scena la manifestazione “Cities stand with Ukraine” organizzata dal Comune di Napoli, nata nell’ambito dell’iniziativa di Eurocities, a cui hanno preso parte anche Arci, Anpi e Acli. Non solo sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, ma anche il Presidente della Camera Roberto Fico e il capo del M5s Giuseppe Conte.

Solidarietà

Si è trattato di due importanti momenti di solidarietà, questo è pacifico, in un momento drammatico, ma qualcuno si è chiesto a bassa voce se non fosse il caso di mostrarsi uniti e in una sola piazza proprio al fine di rafforzare la risposta della coalizione di centrosinistra. In molti pensano invece che una sola piazza con i due players non sarebbe stata cosa gradita a Letta, che in cuor suo spera in un rassemblement centrista in grado di mettere il M5s ancora di più ai margini del futuro progetto centrosinistra.

Nazareno

Proprio in questi giorni cade il primo anniversario della segreteria targata Enrico Letta che ha annunciato la sua intenzione di rendere il Pd più green e rosa. Ovvero dare alla sua politica un’impronta più femminile e ambientalista (il sindaco Sala e il verde Bonelli lo seguono). Infatti paradossalmente è proprio la sinistra, che in passato ha difeso strenuamente quote e femminismo, ad essere stata superata dai conservatori di Fratelli d’Italia, che hanno una leader donna. Letta da tempo cova questa strategia e l’ha annunciata nel primo anno da segretario.

@L_Argomento

Articoli Correlati

Politica

Cosa è stato il rdc, che danni ha fatto, quali benefici ha portato. Ettore Rosato, presidente di Italia Viva, ha annunciato: “Dal 15 giugno...

Politica

Dalla Parma che negli anni 90 con Calisto Tanzi era capitale dei principali marchi del food&beverage italiani, alla Parma 2022 che si appresta a...

Politica

Il costituzionalista a L'Argomento: “Consultazione e riforma Cartabia? Abbiamo due strade di fronte, una parlamentare, che è certo più ampia e una popolare, che...

Politica

Durante la presentazione del libro di Giovanni Orsina ‘Una democrazia eccentrica’, insieme alla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, Enrico Letta ha paragonato sé...