NY e Roma unite dai ‘Dreamers’

NY e Roma unite dai ‘Dreamers’

L'arte illumina le città

Tempo di lettura stimato 2 minuti

NY e Roma unite dai ‘Dreamers’
C’è un filo rosso che unirà Roma a New York la sera del 10 settembre: sono i cosiddetti “dreamers”, i sognatori, i ragazzi e le ragazze arrivati negli Stati Uniti senza documenti ma che si sono integrati grazie a un percorso scolastico regolare, spesso finito con un diploma di laurea. Questo è il mese in cui il congresso dovrebbe varare l’American Dream and Promise Act, la legge che avvia un percorso verso il riconoscimento della cittadinanza ai “dreamers”.

Se da una parte Biden ha già più volte sollecitato l’approvazione del provvedimento, la comunità artistica tiene alta l’attenzione del pubblico con “Dreamers”, la prima video installazione collettiva che riunisce quaranta artisti da tutto il mondo, tra cui molti italiani con un curriculum internazionale. “Dreamers” inizierà alle 9 di sera, ora di Roma, per continuare alle 9 della sera newyorchese: sui muri e sui marciapiedi delle due città saranno proiettate in contemporanea video opere, tutte diverse tra loro ma unite dallo stessa voglia di celebrare le differenze. Le facciate dei palazzi, i muri lungo le strade, e i marciapiedi, saranno usati come schermi su cui proiettare video installazioni.

Concepito dalla video artista Laura Mega durante la pandemia come omaggio alle comunità di immigrati, le più colpite dal virus e dalla crisi economica che ne è seguita, “Dreamers” e’ diventato un’ode a tutti quelli che lasciano la propria terra per cercare nuove possibilità. Alcuni artisti coinvolti hanno storie difficili alle spalle: Nicky Nodjoumi è un pittore iraniano che adesso vive a Brooklyn e prende spunto dai traumi personali per le sue opere, Hong Chung Zhang è un’asiatico-americana che attraverso le storie della famiglia racconta le difficoltà delle migranti. Tra gli italiani, Millo, lo street artist che ha riempito facciate intere di palazzi con i suoi murales, Gianluca Bianchino, Arianna Carossa e Marina Sagona.

A Roma, “Dreamers” sarà visibile nel quartiere San Lorenzo, sui muri dell’isolato che comprende via dei Marruccini, via dei Vestini e via dei Dalmati. A New York, coordinate dalla giornalista esperta di arte Maurita Cardone, vi saranno proiezioni sparse da Williamsburg a Manhattan, da Brooklyn a Long Island.
NY e Roma unite dai ‘Dreamers’

Shortlink: https://bit.ly/3yQMhQF

TAGS