Connect with us

Hi, what are you looking for?

Politica

Nuovi ristori per le imprese danneggiate dalla crisi Covid

Gli aiuti , aumentati a 18 miliardi, cammineranno su un meccanismo più flessibile rispetto al passato

Nuovi ristori per le imprese danneggiate dalla crisi Covid

Nuovi ristori per le imprese danneggiate dalla crisi Covid
Piovono gli aiuti, per l’esattezza 18 miliardi, sugli imprenditori, i lavoratori e le famiglie colpite economicamente dalla pandemia. I nuovi ristori cammineranno su un meccanismo più flessibile rispetto al passato.

Oltre al criterio del fatturato si affianca quello del risultato economico di esercizio: una sorta di ‘conguaglio’ per il quale vengono stanziati 4 miliardi, di cui 3 di risparmi e 1 in deficit.

Le novità arriveranno con il dl sostegni bis, che dopo diversi rinvii sarà approvato dal Cdm giovedì. Il menu è molto ampio e il governo ha promesso aiuti anche alle discoteche e alle sale giochi, così come è in arrivo un pacchetto lavoro e il prolungamento per quattro mesi, fino a settembre, del Reddito di emergenza.

Non c’è infatti attenzione esclusivamente al mondo delle imprese nel lungo elenco di misure che oggi il ministro dell’Economia Daniele Franco ha illustrato alla maggioranza, dove qualcuno avrebbe lamentato l’assenza di testi: il governo ha messo a punto anche una serie di aiuti alle famiglie e alle fasce più fragili, in linea con gli impegni presi attraverso ordini del giorno al primo decreto Sostegni, che oggi ha incassato la fiducia alla Camera con 472 sì.

L’Italia è afflitta dalla denatalità e per spingere i giovani a mettere su famiglia il premier Mario Draghi ha già annunciato agevolazioni per l’acquisto della prima casa mentre per aiutare le famiglie più in difficoltà vengono stanziati altri 500 milioni in buoni spesa e affitti.

Così come, grazie ad un accordo ponte, dovrebbe essere scongiurato il taglio degli asili nido o dell’illuminazione nelle strade: gli oltre 1.400 comuni che rischiano il default potranno contare sull’aiuto dello Stato.

C’è poi il pacchetto lavoro a cui da giorni lavora il ministro Andrea Orlando e che si aggira tra i 4 e i 5 miliardi. Le assunzioni saranno incentivate con nuovi sgravi, nasce il contratto di rioccupazione e ci sarà un intervento per evitare il decalage della Naspi. Gli stagionali e i lavoratori del turismo potranno invece contare su altri 2 mesi di indennità ad hoc.

Se in alcuni casi si tratta di proroghe di misure già in campo, a cambiare con il nuovo dl Sostegni è sicuramente lo schema per i ristori. L’obiettivo è riuscire ad accelerare gli indennizzi e anche ad aumentare il numero dei soggetti coinvolti: molte imprese erano rimaste escluse perchè nel periodo unico di riferimento previsto con il decreto Sostegni 1 non raggiungevano le perdite del 30% necessarie per accedere ai contributi a fondo perduto.

Viene dunque confermata una doppia via di indennizzo in base al fatturato, scegliendo il periodo, e a questa si aggiunge la possibilità di preferire il meccanismo perequativo sul risultato di esercizio (confrontato annualità su annualità) con un conguaglio a fine anno. Spunta anche un fondo per le attività chiuse per decreto, come annunciato dal ministro Giancarlo Giorgetti, insieme a una riproposizione del credito di imposta al 60% per gli affitti per 5 mesi (gennaio-maggio), che vale circa 2 miliardi.

Altri 600 milioni andranno ai Comuni per garantire sconti Tari alle attività rimaste chiuse, 100 milioni rimpolperanno il Fondo per la montagna e le bollette saranno coperte per un mese in più, fino a luglio.

Confermato anche il pacchetto di proroghe per le moratorie sui prestiti e le garanzie sulla liquidità (Sace, Fondo di garanzia per le Pmi, Simest), le agevolazioni per gli investimenti in start up, così come ci sarà il rinvio della plastic tax al 1 gennaio 2022 e lo slittamento della ripresa della riscossione.

Resta invece da chiudere la partita sulle Dta per incentivare le aggregazioni, comprese quelle bancarie, così come sembra molto difficile che trovi posto l’estensione del superbonus al 110% alle aziende, su cui è in pressing da giorni il M5s.
Nuovi ristori per le imprese danneggiate dalla crisi Covid

Shortlink:  https://bit.ly/3bD7l4p

Articoli Correlati

Politica

“Ci si muove nel governo”. Il ministro Giancarlo Giorgetti ha richiamato il segretario Matteo Salvini in merito all’intenzione del suo viaggio a Mosca che...

Politica

Da diversi mesi si rincorrono voci sul possibile ingresso della Lega di Matteo Salvini nel Ppe, ma diverse reazioni politiche e i fatti sembrano...

Economia

ROMA  – “Siamo passati dalla fase di avvio del piano alla fase di attuazione. I risultati previsti per il 2021 sono stati raggiunti e...

Economia

Il titolare dell'economia lo ripete ormai da mesi, ma più che economico il nodo del MES è tutto politico: il Carroccio rischia di spaccare...