Nomine: in arrivo 518 incarichi in 90 società Mef

Nomine: in arrivo 518 incarichi in 90 società Mef

Tornata di nomine per 74 cda, 41 collegi sindacali, 90 società governate da via XX Settembre

Tempo di lettura stimato 3 minuti

Nomine: in arrivo 518 incarichi in 90 società Mef
Al via la tornata delle nomine nelle partecipate statali: centoquindici organi sociali, di cui 74 cda e 41 collegi sindacali, in 90 societa’ del ministero dell’Economia, sono gia’ scaduti e andranno al rinnovo con le prossime assemblee di bilancio.

Si tratta di organi attualmente composti da 518 persone, di cui 342 consiglieri e 176 sindaci. Di queste 90 societa’ – come emerge dall’analisi del Centro Studi CoMar – 15 sono a controllo diretto, tra cui: Cassa Depositi e Prestiti, Eur, Ferrovie dello Stato, Gse – Gestore dei Servizi Energetici, Invimit, Rai, Sogei; ed anche Banca MPS o Leonardo per i Collegi Sindacali.

Gli incarichi totali da assegnare sono 91. Queste Partecipate dirette esprimono, complessivamente, un fatturato di 69,8 miliardi di euro, con 193.367 dipendenti; senza considerare i 448,7 miliardi di euro di attivo ed i 36,1 di patrimonio netto della sola CDP. Settantacinque sono, invece, le societa’ a controllo indiretto, attraverso Enel, Eni, Ferrovie (con Anas), Invitalia, Poste Italiane, tra le principali; qui, le nomine previste sono 427. Tra i criteri che si dovranno seguire vi e’ quello dell’equilibrio di genere, su cui CoMar ha realizzato un focus specifico. Sui 518 componenti uscenti, le donne sono 162, pari al 31,3%.

Le donne sono maggiormente presenti nelle controllate dirette del Mef (30 donne amministratrici su 91 amministratori totali -33%) rispetto alle indirette (132 amministratrici su 427 Amministratori totali – 30,9%) e nei collegi sindacali (63 donne Sindaco su 176 Sindaci totali – 35,8%) rispetto ai cda (99 donne Consigliere su 342 consiglieri totali -28,9%). Il settore pubblico (Stato, Regioni, Enti locali, ecc.) ha ancora una presenza rilevante nell’economia, con 6.130 imprese attive. Tuttavia, sono le 40 Societa’ controllate dallo Stato ad occupare la gran parte di questo perimetro. CoMar ha calcolato che, considerando le sole 32 societa’ industriali e di servizi (escluse, quindi, banche e assicurazioni), il fatturato totale supera i 241,4 miliardi di euro, gli utili sono oltre i 26,8 miliardi di euro, con 471.284 dipendenti. 

Oltre alle partecipate del Mef, entro il prossimo 31 agosto devono essere designati i nominativi di 56 componenti degli organi apicali di 28 Enti pubblici di rilevanza nazionale, nei settori della tutela ambientale (Parchi nazionali, Comitato sicurezza operazioni in mare, Consorzio dell’Oglio, Ispra), della mobilita’ (Autorita’ portuali, Enac), della ricerca e formazione (Anvur, Cnr, Inapp, Infn, Invalsi), della vigilanza dei mercati (Agcm, Consob, Covip, Ismea), a base associativa / sportivi (Aci, Uits), della cultura (Pompei).

Alcune di queste Nomine sono gia’ in itinere e prossime a completarsi (Aci, alcune Autorita’ portuali, Consorzio dell’Oglio, Pompei); altre, sono scadute da tempo (Anvur, Cnr, Comitato sicurezza operazioni in mare, Covip, Enac, Inapp, Infn, Ismea, Uits, alcuni Parchi). In questi primi mesi del 2021, peraltro, gia’ sono state effettuate alcune Nomine relative a tale categoria di Enti, per i quali e’ stato definito il plenum (Consorzio area scientifica di Tieste, Ente nazionale risi, Centro sperimentale di cinematografia, Istituto nazionale di ricerca metrologica; o, anche, alla nomina di alcuni componenti degli Organi degli Enti gia’ menzionati e che, quindi, sono in attesa di completamento (Cnr).

Le designazioni dei Componenti in attesa per tali Enti vedono, quale Proponente in via principale: il Ministero infrastrutture e mobilita’ sostenibili (8), il Ministero transizione ecologica (7), la Presidenza del Consiglio ed il Ministero universita’ e ricerca (3), il Ministero del lavoro (2), oltre i Ministeri politiche agricole, cultura, difesa, istruzione. Tuttavia, accanto, interessati, a diverso titolo, nella procedura di nomina, si possono ritrovare:

Presidenze di Regione, Camere di commercio, Crui, Confindustria, Commissioni parlamentari competenti per materia, Dipendenti; sino alla Presidenza della Repubblica (D.P.R.).

Tali Enti pubblici hanno, nel confronto, dotati di personalita’ giuridica di diritto pubblico, diversa natura giuridica: economici o non economici; indipendenti dall’Esecutivo o meno (quando non autonomi, pur disponendo di organismo centrale ed articolazioni territoriali); con variegabile raggio di competenze proprie, sotto il profilo amministrativo, di bilancio e finanziario, organizzativo, regolamentare; ed altrettanto per attivita’, quali vigilanza, monitoraggio, controllo, certificazione, analisi, sanzionatorie, rappresentativita’ dell’Italia in organismi internazionali.
Nomine: in arrivo 518 incarichi in 90 società Mef

Shortlink: https://bit.ly/3nLlqla

TAGS