Nobel per la pace 2021, Muratov: premio a Politkovskaja, non mio

Nobel per la pace 2021, Muratov: premio a Politkovskaja, non mio

«Questo premio ci dà la forza per continuare la lotta per la verità»

Tempo di lettura stimato < 1 minuto

Nobel per la pace 2021, Muratov: premio a Politkovskaja, non mio
Il Comitato norvegese per il Nobel ha deciso di assegnare il Premio per la Pace 2021 a Maria Ressa e Dmitry Muratov per i loro sforzi per salvaguardare la libertà di espressione, che è precondizione per la democrazia e per una pace duratura.

Ressa, co-fondatrice di Rappler, sito di giornalismo investigativo, «usa la libertà di espressione per esporre l’abuso di potere, l’uso della violenza e il crescente autoritarismo» nelle Filippine. Muratov, è stato invece uno dei fondatori del quotidiano indipendente Novaja Gazeta. Dal 1995 è stato caporedattore del giornale, per un totale di 24 anni. Sei dei suoi giornalisti sono stati uccisi, tra cui Anna Politkovskaja, ma Muratov si è sempre rifiutato di abbandonare la sua linea indipendente e «ha difeso il diritto dei giornalisti di scrivere in libertà».

«Questo premio ci dà la forza per continuare la lotta per la verità». A dirlo è Maria Ressa che ha commentato così la sua vittoria: «Il governo non sarà contento, ma la nostra è una battaglia per la verità.

E la verità non esiste senza i giornalisti. La libertà di espressione e di stampa, ha aggiunto, riguarda non solo il futuro delle Filippine, ma le democrazie in tutto il mondo».

Tra le prime reazioni c’è stata anche quella del Cremlino che si è congratulato con Dmitry Muratov, lodandone il «coraggio e il talento».
Nobel per la pace 2021, Muratov: premio a Politkovskaja, non mio

Shortlink: https://bit.ly/3myMMuj

 

TAGS