Connect with us

Hi, what are you looking for?

Politica

Nasce l’agenda Draghi senza Mario: l’Ue spinge sugli anti sovranisti

Azione, ItaliaViva, Pd e le varie frattaglie di centro, depurate dai grillini, stanno immaginando un contenitore comune che sia propulsore delle istanze con cui l’Italia dovrà fare i conti: inflazione, Pnrr e l’ombra della troika

MATTEO RENZI POLITICO CARLO CALENDA POLITICO

Draghiani senza Draghi: cresce la tensione e la pulsione a programmare fra chi ha votato la fiducia al premier, certi che ormai le urne si avvicinano e vanno costruite con una nuova piattaforma contenutistica e di forma. Il Pd è chiamato ad uno scatto di reni, abbandonando il dialogo con il M5s e provando ad abbracciare una serie di altri alleati, tutti con il comun denominatore del sì al governo uscente.

Addio

Le fuoriuscite di Gelmini, Brunetta e Cangini da Forza Italia sono state tarate su una consapevolezza: l’agenda Draghi, europeista e atlantista, non sarà come quella di Monti dieci anni fa, per cui su quello va costruito il polo (senza il m5s) che dovrà provare a contrastare il destracentro a trazione meloniana. Non è semplice né automatico, dal momento che già l’esperienza di Scelta Civica è stata deficitaria per una serie di motivazioni note, più o meno a tutti.

Centro

Azione, ItaliaViva, Pd e le varie frattaglie di centro, depurate dai grillini, stanno immaginando un contenitore comune che sia propulsore delle istanze con cui l’Italia dovrà fare i conti: l’inflazione, le decisioni della Bce, la partita del Pnrr e il debito pubblico italiano, senza dimenticare l’ombra della troika che si staglia sul paese. I democratici sono quelli più in difficoltà: se Renzi e Calenda da sempre hanno tuonato contro i grillini, Letta ha invece difeso l’alleanza con Conte praticamente fino alla fine, nonostante Prodi gli avesse detto ormai due settimane fa che era una strada senza uscita.

Programma

Il ritornello di questo rassemblemant sarà puntato essenzialmente sulla responsabilità di chi voleva continuare con Draghi, contrapposta a chi per mero calcolo elettorale ha scelto di rompere tutto, al netto della mozione pro Draghi azionata dal solo Casini. Il collante di tutti gli altri quindi è l’agenda Draghi, intesa come prosecuzione delle ragioni che avevano portato alla nascita del governo di unità nazionale.

L’anello debole in questo senso è il Pd, i cui elettori non hanno capito la cocciutaggine con cui è stata proseguita l’alleanza con ciò che resta dei grillini, atteso che Conte ha tramato con Salvini per la piroetta finale di ieri in Senato.

Articoli Correlati

Politica

Letta chiude a Renzi e m5s, Calenda rifiuta le ammucchiate, Fratoianni parla di fallimento di Draghi

Politica

Dopo 28 anni il pallino è ancora nelle mani del Cav: premier dimesso, Bce tentata da una decisione storica e intanto i partiti devono...

Politica

Da domani Stefano Bonaccini lavorerà per diventare segretario dem e Giulio Tremonti potrebbe iniziare a scrivere la finanziaria da presentare in ottobre

Politica

Il suo richiamo all'ordine: “Partiti e parlamentari, siete pronti a ricostruire questo patto di unità nazionale?”