Lotti: Pd ritrovi autonomia dal M5s, servirà congresso

Lotti: Pd ritrovi autonomia dal M5s, servirà congresso

Base Rifomista fa sentire la sua voce alla vigilia dell’arrivo di Enrico Letta

Tempo di lettura stimato < 1 minuto

Lotti: Pd ritrovi autonomia dal M5s, servirà congresso

“Letta parta dall’agenda Draghi e aiuti a portare il Pd verso una linea di azione chiara e un’autonomia politica, anche dal M5s.

E poi che aiuti a rispondere ad una domanda: perché oggi votare il Pd?”. È l’auspicio di Luca Lotti, intervistato dal Messaggero, che assicura il sostegno di Base Riformista, la corrente del Pd che fa capo a lui e a Lorenzo Guerini:

“Pronti a fare la nostra parte, portare le nostre idee, dare il nostro contributo”. Ma la richiesta del congresso “resta sul tavolo. Sappiamo che è impraticabile farlo oggi, nel momento in cui gli italiani stanno combattendo contro il virus.

A Zingaretti abbiamo chiesto, e a dire il vero non solo noi, un confronto sull’identità e sul futuro del Pd. Siamo dell’idea che questo tema debba riguardare i nostri iscritti e militanti: è doveroso coinvolgere la base e appena possibile farla esprimere”.

Un confronto che riguarderà anche le alleanze e il rapporto con il Movimento 5 Stelle: “Conte era stato indicato come riferimento dei progressisti, ma faccio notare che nel frattempo è diventato leader di un partito. Per mesi abbiamo parlato di alleanze strategiche o alleanze politiche, senza coinvolgere nella discussione la nostra gente. Spero che nel Pd prima si ritrovi una solida autonomia identitaria e poi si parli di alleanze.

Non il contrario”. Infine, Lotti dice di essere rimasto sorpreso dalle dimissioni di Zingaretti: “Non conosco tutte le motivazioni che hanno spinto Nicola e non so perché abbia usato parole così forti.

Di sicuro la lettura fatta da più parti – cioè che è tutta colpa della minoranza – è falsa e strumentale”.

Lotti: Pd ritrovi autonomia dal M5s, servirà congresso

TAGS