Lombardia regione maglia nera per l’inquinamento

Lombardia regione maglia nera per l’inquinamento

Dall'ultimo dossier pubblicato da Legambiente, "Mal'aria 2021 edizione speciale - i costi dell'immobilismo"

Tempo di lettura stimato 2 minuti

Lombardia regione maglia nera per l’inquinamento
L’Italia potrebbe dover pagare una multa, stimata da 1,5 a 2,3 miliardi di euro, alla Commissione Europea per inadempienza. La soluzione per evitare di pagare la penale miliardaria sarebbe quella di ridurre l’inquinamento nelle città.

L’ultimo dossier pubblicato da Legambiente, “Mal’aria 2021 edizione speciale – i costi dell’immobilismo”, mostra come il nostro Paese sia in ritardo nell’applicazione dei provvedimenti di emergenza e dei piani di risanamento dell’aria, sia a livello centrale sia regionale.

Sui dati pubblicati, la Commissione Europea potrà chiedere alla Corte di giustizia Europea di stabilire l’ammontare della sanzione a cui l’Italia è già stata condannata il 10 novembre scorso per il superamento continuativo dei limiti di PM10 negli anni che vanno dal 2008 al 2017. A questo potrebbe aggiungersi il taglio di futuri fondi europei destinati al nostro Paese.

L’unico modo per evitare il superamento dei limiti giornalieri di polveri sottili durante l’autunno e l’inverno prossimi sarebbe l’adozione di misure antismog a partire già da questo mese di settembre. Il dossier pubblicato da Legambiente mostra come la Regione che meno ha fatto per combattere l’inquinamento atmosferico è la Lombardia, che guida la classifica dell’inadempimento con solo il 15 percento delle azioni completate; seguono Piemonte con il 25 percento; Veneto ed Emilia – Romagna con il 40. Tra le azioni attese in autunno, le limitazioni alla circolazione nelle città dei vecchi diesel euro4: al momento, solo l’Emilia-Romagna sembra confermare lo stop.

Lo Stato invece ha promesso di decretare limiti di velocità più bassi sulle autostrade quando c’è inquinamento, come in tutti gli altri Paesi confinanti (Francia, Svizzera, Austria e Slovenia), ma ancora non è stato scritto nessun decreto. è stato promesso anche lo stop al carbone, al gasolio nel riscaldamento, la sospensione dei liquami in agricoltura, limiti alla circolazione dei camion inquinanti e la fine dei sussidi ai diesel: tutti disattesi.

“Il blocco stagionale delle auto più inquinanti, i diesel euro4, era previsto il 1° ottobre 2020 e prorogato con la scusa del Covid19”, dichiara Andrea Poggio, responsabile mobilità sostenibile di Legambiente. “Al momento Lombardia, Piemonte e Veneto sembrano intenzionate a bloccarli.

Per di più, siamo l’unico Paese dell’arco alpino che non limita la velocità sulle strade e le autostrade per inquinamento, ma Stato e Regioni sono tempestivi a distribuire incentivi per le stufe a legna inquinanti o per le auto a combustibili fossili, che inevitabilmente peggiorano la qualità dell’aria delle nostre città”. Regione Lombardia viene “da tempo sollecitata” per l’applicazione di misure più incisive per la lotta all’inquinamento atmosferico. “Siamo ormai alle porte di un nuovo periodo critico per la qualità dell’aria, adottare da subito misure più incisive per prevenire i danni ambientali e alla salute dei cittadini lombardi è doveroso e non più rimandabile”, dichiara in una nota a riguardo Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia.

Infatti, i costi dei ritardi nell’attuazione di misure per la prevenzione dell’inquinamento potrebbero essere molto più gravosi rispetto a quelli derivati da azioni necessarie da intraprendere con l’arrivo della nuova Direttiva Europea prevista per il 2022. Secondo il bilancio riportato da Legambiente nel dossier, sono già 11 le città che a inizio settembre hanno sforato, con almeno una centralina, il limite previsto per le polveri sottili, ossia la soglia dei 35 giorni nell’anno solare con una media di PM10 giornaliera superiore ai 50 microgrammi/metro cubo. In classifica anche diverse città lombarde: Brescia con 39, Cremona con 38. Vicine al limite anche Lodi (32) e Bergamo (31).
Lombardia regione maglia nera per l’inquinamento

Shortlink: https://bit.ly/3leZjm8

TAGS