L’Ok al digitale passa dall’Ue

L’Ok al digitale passa dall’Ue

Ue, al Consiglio Esteri dibattito su impatto tecnologie e 'bussola strategica'

Tempo di lettura stimato < 1 minuto

L’Ok al digitale passa dall’Ue
“Il Consiglio Ue Affari esteri ha tenuto una prima discussione sull’impatto esterno e geopolitico delle nuove tecnologie digitali.

Queste tecnologie sono fondamentali per le società e l’economia dell’Ue, ma stanno diventando sempre più un motore della competizione geopolitica e dell’influenza globale, utilizzate da attori stranieri per manipolare l’ambiente dell’informazione, influenzare il dibattito pubblico e interferire nei processi democratici”.

Lo comunica il Consiglio dell’Ue in una nota. “I ministri hanno sottolineato la necessità di utilizzare la capacità dell’Ue quale potere normativo per influenzare le norme e gli standard globali in questo campo e garantire che il sistema rimanga aperto, centrato sull’uomo e basato sullo Stato di diritto.

Nel fare ciò, i ministri hanno espresso il desiderio di lavorare insieme a partner con idee simili, che vanno dagli Stati Uniti all’area indo-pacifica, dall’Africa all’America Latina.

I ministri degli affari esteri hanno scambiato opinioni per la prima volta sulla bussola strategica, l’iniziativa dell’Ue volta a preparare meglio l’Ue alle crisi future, rafforzare la resilienza dell’Ue contro le minacce, anche nel ciberspazio, rafforzare i partenariati dell’Ue per affrontare le sfide comuni e sviluppare una cultura strategica comune. Una prima bozza dello Strategic Compass dovrebbe essere presentata agli Stati membri nel novembre 2021, in vista della finalizzazione nel marzo 2022″.
L’Ok al digitale passa dall’Ue

Shortlink:  https://bit.ly/3hwGhXH

TAGS