Connect with us

Hi, what are you looking for?

In evidenza

L’Italia si impoverisce: addio impollinatori e fiori selvatici

Lo studio dell’Università di Pisa pubblicato su Acta Oecologica

L’Italia si impoverisce: addio impollinatori e fiori selvatici

L’Italia si impoverisce: addio impollinatori e fiori selvatici
Nonostante le numerose campagne di sensibilizzazione e le denunce lanciate, tra le altre, da Greenpeace e WWF, una tragedia silenziosa si sta consumando: quella della perdita degli insetti impollinatori, soprattutto delle api e cono loro di alcune piante che rendono unico l’ambiente rurale del Belpaese. La scomparsa di anche uno solo di questi elementi potrebbe mutare l’intero equilibrio naturale, con effetti in potenza devastanti.

A confermalo un recente studio condotto all’Università di Pisa e appena pubblicato sulla rivista ‘Acta Oecologica’, dal quale emerge che i fiori selvatici e la biodiversità dei nostri panorami sono a rischio a causa della diminuzione degli insetti impollinatori che sta provocando un calo dal 20 al 50 per cento dei semi prodotti. I ricercatori definiscono questo fenomeno come “depressione da consanguineità”. In altre parole le piante e i fiori selvatici “malsopportano” il proprio polline e per produrre semi prediligono invece quello proveniente da altri fiori della spessa specie portato appunto dagli insetti impollinatori come api, bombi o farfalle.

La ricerca condotta ha richiesto dieci anni di studi preliminari (osservazioni su flora ed impollinatori, raccolta semi, ecologia di germinazione delle specie raccolte) e due anni di sperimentazione effettiva. I risultati non sono certo incoraggianti soprattutto perchè a rischio ci sono anche quelle piante come speronella, fiordaliso, gittaione, garofanino selvatico o e nigella che determinano in modo unico l’aspetto estetico-paesaggistico degli ambienti rurali.

La progressiva antropizzazione del territorio che priva di spazi ecologici gli impollinatori, unitamente a una gestione agronomica estremamente “semplificata”, rischiano di determinare una sorta di progressivo “abbruttimento” dei paesaggi rurali rendendoli sempre più poveri di quella componente cromatica che noi percepiamo come ‘bellezza’”.
L’Italia si impoverisce: addio impollinatori e fiori selvatici

Shortlink:  https://bit.ly/3exbtV9

Articoli Correlati

In evidenza

Risponde la fondatrice del ‘Future Food Institute’ Sara Roversi

In evidenza

Forum Pa 2021, dal 21 giugno al via più grande evento digitale su innovazione Paese

Culture

Il documentario del londinese Ali Tabrizi con il sottotitolo “esiste la pesca sostenibile?” è un pugno allo stomaco

In evidenza

Il movimento di protesta non è scomparso, si è solo inabissato