Connect with us

Hi, what are you looking for?

Sport

Lippi “Scudetto da decidere, campionato Juve discreto”

MARCELLO LIPPI
Tempo di lettura stimato 2 minuti

ROMA – “E’ un campionato sorprendente, in testa e in coda. Le squadre sono tutte e due forti, con grandi giocatori e centrocampisti, con giovani che saranno utili anche alla Nazionale. La vedo ancora molto dubbiosa”. A parlare della corsa allo scudetto, ormai riservata solo a Milan e Inter, è l’ex ct della Nazionale campione del mondo a Germania 2006 Marcello Lippi, certo che sarà un testa a testa tra le milanesi appassionante sino alla fine. “Se l’Inter vince il recupero di mercoledì avrà un punto in più ma il calendario non sarà facilissimo per entrambe. E’ ancora tutto da decidere – sottolinea Lippi ai microfoni di “Radio anch’io sport”, su Rai Radio1 – Inzaghi? Entrare in sintonia con i calciatori non significa essere troppo morbidi ma intelligenti, cosa che è Simone. Mesi fa dissi che l’Inter era la squadra più rabbiosa e determinata, invece il Milan ha recuperato forma e qualità e ora se la giocano tutte e due. Non scenderanno mai in campo in contemporanea? E’ una considerazione che facciamo adesso, anche gli allenatori non considerano la cosa molto importante”. La Juventus invece non è riuscita ad agganciare il treno scudetto: “Il suo è un campionato discreto, poteva fare di più. Nell’ultimo periodo ha ripreso un certo rendimento e una grande condizione ma tutti si aspettano di più dai bianconeri. Il rammarico è che non sia stata lì al vertice, ma il fatto che ogni tanto il campionato lo vinca qualcun altro è un fatto abbastanza normale. Allegri? E’ tra i più affidabili in Europa, per capacità e gestione dei giocatori”. Il Napoli, perdendo a Empoli, si è auto-escluso: “Spalletti si è assunto la responsabilità perchè è una persona troppa seria. Non ho visto una squadra concentrata e determinata in maniera sufficiente, sul 2-0 c’erano le possibilità di giocarsela sino in fondo”. In coda, invece, la Salernitana di Nicola sembra volare sulle ali dell’entusiasmo: “Così come nelle squadre che negli ultimi anni ha allenato, Nicola sta facendo un miracolo con una squadra che era data per spacciata. Sembra quasi che, quando arrivi, inizi una preparazione e faccia giocare una squadra a prescindere dalla sua posizione in classifica”. Detto di non gradire le cinque sostituzioni (“Favoriscono le squadre che hanno più soldi e stravolgono l’organizzazione di gioco”), l’ex allenatore di Juventus, Inter e Napoli si sofferma anche sulla Champions League: “Come favorita, di botto, mi viene il City, ma il Real Madrid ha un fenomeno in panchina come Ancelotti e non è escluso che possa farcela anche quest’anno. Dovessi però fare una previsione, direi che assisteremo ad una finale tra le due inglesi”. Assicurato di non voler più tornare in panchina o di assumere un ruolo tecnico e di non essere stato chiamato dopo il tracollo azzurro con la Macedonia del Nord, Lippi conclude parlando proprio della Nazionale, ancora esclusa dai Mondiali: “L’Europeo è comunque tanta roba, è stato molto importante. Non sono d’accordo quando si dice che ci sono tanti stranieri: in passato, con tanti stranieri, nascevano Totti, Del Piero e Montella… Non ci sono tantissimi giocatori ma ce ne sono: Barella e Tonali, ad esempio, sono due su cui costruire la squadra. E’ possibile che stiamo ancora fuori dal Mondiale, dopo il Brasile siamo quelli che abbiamo vinto più titoli. Accettiamolo con buona fiducia per il futuro”.

– foto Image –
(ITALPRESS).

Articoli Correlati