La svolta di Cucinelli, lascia tutto alle nuove generazioni

La svolta di Cucinelli, lascia tutto alle nuove generazioni

L’imprenditore fa il passo indietro e avvia una nuova stagione

Tempo di lettura stimato 2 minuti

La svolta di Cucinelli, lascia tutto alle nuove generazioni.
Il re del cachemire Brunello Cucinelli lascia il ruolo di Ceo dell’azienda da lui stesso fondata e al suo posto inserisce due giovani quarantenni, rispettivamente Luca Lisandroni e Riccardo Stefanelli, entrambi freschi di nomina. Lo stesso Cucinelli resterà presidente esecutivo fino al 2022.

Si tratta di una scelta coraggiosa che segna una vera e propria rivoluzione all’interno di una impresa che non ha mai conosciuto battute d’arresto. Fatturati da capogiro, incrementi di utili a non finire, Cucinelli, 66 anni, figlio di agricoltori, ha dato vita ad una realtà straordinaria, situata in Umbria, partendo da zero.

“Nella prima parte della mia vita – ha dichiarato nel 2018 – ho vissuto in campagna, facevamo i contadini. Non avevamo la luce in casa. Andavamo a scuola, eravamo vestiti da campagnoli, ci umiliavano, ci offendevano”.

Miglior boss del mondo, una vita spesa a “cesellare” i valori etici del suo gruppo, Cucinelli è sempre stato attento al benessere dei lavoratori e, per questo, ha avuto tanti riconoscimenti: Cavaliere del lavoro, imprenditore dell’anno, lauree ad honorem.

E se i titoli contano ma fino ad un certo punto, a valere è soprattutto la passione che si mette in quello che si fa. Una impresa infatti si contraddistingue dalle altre se sa apportare al mercato un valore aggiunto, un qualcosa in più che profuma di innovazione e sentimento.

Dopo le nomine di Lisandroni e Stefanelli, Cucinelli si è detto soddisfatto della scelta effettuata, certo del fatto che questi due giovani quarantenni condurranno “l’impresa per lungo tempo, come esempio di custodia per le future generazioni”.

Parole queste che fanno parecchio rumore in un contesto storico in cui le nuove leve risultano scarsamente valorizzate. Occorre un cambio di passo anche nelle politiche imprenditoriali e bene ha fatto Cucinelli a delegare alcune sue funzioni, nella piena consapevolezza che insieme si va più lontano. Auguri!

La svolta di Cucinelli, lascia tutto alle nuove generazioni.

TAGS