Connect with us

Hi, what are you looking for?

Sostenibilità

Istat svela il Rapporto decessi senza segreti. Ecco gli incredibili numeri del Covid in Italia

È stato reso pubblico il quinto Rapporto prodotto congiuntamente da Istat e Istituto Superiore di Sanità

Istat svela il Rapporto decessi senza segreti. Ecco gli incredibili numeri del Covid in Italia
Pubblichiamo l’analisi della mortalità dell’anno 2020 per il complesso dei decessi e per il sottoinsieme dei soggetti positivi al Covid-19 deceduti. Con il documento di cui siamo entrati in possesso facciamo luce sulle principali caratteristiche dell’epidemia e i loro effetti sulla mortalità totale, distinguendo tra la prima (febbraio-maggio 2020) e la seconda (ottobre-gennaio 2021) ondata epidemica.

Istat svela il Rapporto decessi senza segreti. Ecco gli incredibili numeri del Covid in Italia

Questi i risultati principali dell’indagine:

Tra il mese di febbraio e il 31 dicembre 2020 sono stati registrati 75.891 decessi nel Sistema di Sorveglianza Nazionale integrata Covid-19 dell’Iss.

Nell’anno 2020 il totale dei decessi per il complesso delle cause è stato il più alto mai registrato nel nostro Paese dal secondo dopoguerra: 746.146 decessi, 100.526 decessi in più rispetto alla media 2015-2019 (15,6% di eccesso). In tale valutazione occorre tener conto che nei mesi di gennaio e febbraio 2020 i decessi per il complesso delle cause sono stati inferiori di circa 7.600 unità a quelli della media dello stesso bimestre del 2015-2019 e che i primi decessi di persone positive al Covid-19 risalgono all’ultima settimana di febbraio.

Pertanto, volendo stimare l’impatto dell’epidemia Covid-19 sulla mortalità totale, è più appropriato considerare l’eccesso di mortalità verificatosi tra marzo e dicembre 2020. In questo periodo si sono osservati 108.178 decessi in più rispetto alla media dello stesso periodo degli anni 2015-2019 (21% di eccesso).

Guardando alle classi di età, il contributo più rilevante all’eccesso dei decessi dell’anno 2020, rispetto alla media degli anni 2015-2019, è dovuto all’incremento delle morti della popolazione con 80 anni e più che spiega il 76,3% dell’eccesso di mortalità complessivo; in totale sono decedute nel 2020 486.255 persone di 80 anni e oltre (76.708 in più rispetto al quinquennio precedente). L’incremento della mortalità nella classe di età 65-79 anni spiega un altro 20% dell’eccesso di decessi dell’anno 2020; in termini assoluti l’incremento per questa classe di età, rispetto al dato medio degli anni 2015-2019, è di oltre 20 mila decessi (per un totale di 184.708 morti nel 2020).

 Dall’inizio dell’epidemia e fino al 31 dicembre 2020 il contributo dei decessi Covid-19 alla mortalità per il complesso delle cause è stato, a livello medio nazionale, del 10,2%, con differenze fra le varie ripartizioni geografiche (14,5% del Nord, al 6,8% del Centro e al 5,2% del Mezzogiorno) e fasce di età (4,6% del totale nella classe 0-49 anni, 9,2% in quella 50-64 anni, 12,4% in quella 65-79 anni e 9,6% in quella di ottanta anni o più.

Istat svela il Rapporto decessi senza segreti. Ecco gli incredibili numeri del Covid in Italia

Articoli Correlati

Politica

E’ in atto l’ultima veemente polemica tra il Ministro del Lavoro Andrea Orlando e il Presidente di Confindustria Carlo Bonomi. Da diversi mesi, ormai,...

Salute

ROMA  – Uno studio congiunto tra Istituto Superiore di Sanità, IRCCS San Raffaele Roma e CNR- Istituto di Farmacologia Traslazionale ha permesso di mettere...

Economia

ROMA – A febbraio, secondo i dati Istat l’indice di fiducia delle imprese torna ad aumentare dopo il calo deciso registrato lo scorso gennaio....

Salute

PALERMO – Domani, l’hub vaccinale di Palermo compirà dodici mesi ininterrotti di attività. Tanto è passato dall’inaugurazione del padiglione 20, l’ex “padiglione delle barche”...