Connect with us

Hi, what are you looking for?

In evidenza

In Medio Oriente tacciono i cannoni

Accordo sul cessate il fuoco tra Israele e Hamas, forte impegno di Usa e Regno Unito

In Medio Oriente tacciono i cannoni

In Medio Oriente tacciono i cannoni
All’undicesimo giorno di combattimenti, Israele e i gruppi palestinesi di Hamas e Jihad islamica hanno raggiunto un accordo per il cessate il fuoco, che entrerà in vigore alle 2 del 21 maggio, e sarà monitorato dall’Egitto, tra i mediatori dell’ultima escalation di ostilita’ nella regione. Sotto una forte pressione internazionale, culminata con l’esplicita richiesta del presidente Usa Joe Biden di attuare una de-escalation, il gabinetto di sicurezza israeliano – che riunisce i ministri che hanno poteri di prendere decisioni di guerra – ha approvato all’unanimità la tregua proposta dal Cairo.

L’ufficio del premier Benjamin Netanyahu ha fatto sapere che si tratta di un cessate il fuoco “reciproco e senza condizioni”. Entrambe le parti hanno lodato i risultati raggiunti sul campo. 

Il ministro della Difesa, Benny Gantz, ha parlato di “successi senza precedenti nella lotta contro i gruppi terroristi nella Striscia di Gaza” portati a casa dall’esercito israeliano (Idf) nell’operazione ‘Guardiano delle Mura’, che ha preso di mira i vertici politici, militari e dell’intelligence di Hamas e Jihad islamica (le autorità sostengono di aver ucciso 160 combattenti) e causato la distruzione di oltre 100 chilometri della cosiddetta ‘metro”, il sistema di tunnel usati per spostare armi e miliziani.

Dal canto suo, il portavoce dell’ala militare di Hamas, Abu Ubaida, ha parlato di “umiliazione del nemico”.
In Medio Oriente tacciono i cannoni

Shortlink:  https://bit.ly/3bItYEh

Articoli Correlati

Internazionale

Il Global Committee for the Rule of Law – Marco Pannella e Nessuno tocchi Caino –Spes contra spem, criticano l’arrivo del Ministro degli Esteri...

Internazionale

Torna Netanyahu, sempre primo nei sondaggi: vicino lo scioglimento del parlamento e le quinte elezioni in meno di quattro anni

Internazionale

Al contempo non investe sull'unica infrastruttura che potrebbe renderla davvero indipendente come il gasdotto Eastmed

Internazionale

Sullo sfondo il nuovo gasdotto resta lo strumento per fare massa nell'intera area, ma nel frattempo Israele si accorda con l'Egitto per esportare il...